Cultura

Mediterraneo, conoscenza e trasformazione a Ragusa

Dal 10 al 15 febbraio

0

0

0

0

0

Mediterraneo, conoscenza e trasformazione a Ragusa Mediterraneo, conoscenza e trasformazione a Ragusa

"Mediterraneo, conoscenza e trasformazione” è il titolo della Winter School organizzata dalla Struttura Didattica Speciale di lingue e letterature Straniere di Ragusa dell’Università di Catania in stretta collaborazione con la Fondazione San Giovanni Battista di Ragusa, l'Università della Calabria ed il Centro Mediterraneo “Giorgio La Pira”. L’appuntamento è dal 10 al 15 febbraio a Ragusa, per dialogare e confrontarsi con tanti protagonisti dello scenario pubblico italiano e internazionale. Una contaminazione di esperienze e visioni dalle quali trarre slancio, ispirazione ed energia per affrontare le sfide del presente e “formare il futuro”.

La sei giorni di formazione è rivolta a Studenti in Lingue, Scienze Politiche, Scienze per la cooperazione e lo sviluppo, Servizio Sociale, Psicologia, Filosofia, Giurisprudenza, a Funzionari statali e Operatori nei settori della cooperazione, della mediazione culturale, dell’istruzione. L’evento di quest’anno è dedicato al Mediterraneo che si interroga sulla sua identità e si confronta con il mondo. Un Mediterraneo fatto di luci e ombre, con grandi potenzialità, ma anche coi suoi divari, che tendono a crescere anziché colmarsi. Si parlerà dunque del presente ma anche del cambiamento e del percorso che talvolta rende affannosa la proiezione nel futuro.

Questa è la “missione” della Winter school: “formare il futuro” con una rete radicata nel territorio per ragionare e riflettere insieme in che direzione andare e come cambiare. La Winter school sarà anche un momento per sviluppare una riflessione più ampia sul tema della migrazione. "Oggi - conferma Renato Meli, presidente della Fondazione San Giovanni Battista - si parla molto e con toni allarmistici di un fenomeno ormai strutturale quale è quello dell'immigrazione verso l'Italia. Tuttavia ancora molto poco si parla dell'emigrazione di tanti giovani, ma anche meno giovani, meridionali verso il nord Italia e verso l'estero. Un fenomeno ormai costante che ci sta impoverendo enormemente.

Proveremo, attraverso un serio lavoro di ricerca e di analisi dei dati, a comprendere quali siano le disfunzioni che portano a questa vera e propria diaspora giovanile". Il viaggio nel mediterraneo si articolerà in una serie di concetti-chiave che saranno sviluppati in 6 giorni di workshop, incontri e dibattiti attraverso concetti- chiave: sistema democratico, politiche migratorie, politiche linguistiche, dialogo, interculturale, cooperazione internazionale e sociale. Il comitato scientifico della Winter school è composto da Santo Burgio (SDS, Ragusa–Università degli studi di Catania), Francesco Raniolo (DISPS –Università della Calabria, Cosenza), Renato Meli (Presidente Fondazione San Giovanni Battista), Chiara Facello (PhD -Fondazione San Giovanni Battista), Giacomo Anastasi (Centro Mediterraneo “Giorgio La Pira”), Mauro Puzzo (UNCHR –Alto Commissariato Nazioni Unite per i Rifugiati) e Souadou Lagdaf (SDS, Ragusa–Università degli studi di Catania).  

Ai partecipanti verrà rilasciato un attestato finale dall’Università degli studi di Catania e dall’Università degli studi della Calabria. La Winter school darà inoltre diritto a crediti formativi riconosciuti dall’università.

0

0

0

0

0

MediterraneoTrasformazioneConoscenzaUniversitaFebbraio
Commenti
Mediterraneo, conoscenza e trasformazione a Ragusa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Giorno della memoria nella poesia Auschwitz di Salvatore Quasimodo
News Successiva
Scicli, L'arte di educare oltre l'amore compiacente di Francesca Pisana