Cronaca

Palermo

Il boss a Marco Baldini: vedi che sto salendo! Sto venendo a romperti le corna

Scoperta banda di usurai a Palermo, tra le vittime Marco Baldini

0

0

0

0

0

Il boss a Marco Baldini: vedi che sto salendo! Sto venendo a romperti le corna Il boss a Marco Baldini: vedi che sto salendo! Sto venendo a romperti le corna

Il capo era Salvatore Cillari, fratello di un boss ergastolano. Era lui a gestire la banda di usurai che per anni ha prestato denaro a tassi che arrivavano al 140% a decine di vittime: imprenditori, professionisti, antiquari e nomi eccellenti dello spettacolo come il conduttore Marco Baldini. Cillari è finito in carcere, ai domiciliari il figlio Gabriele, che riciclava i soldi sporchi intascati con l'usura investendo in un locale alla moda nel quartiere Capo, a pochi metri dal palazzo di giustizia di Palermo. Il ristorante, "L'Acerba", è stato sequestrato. Dell'organizzazione facevano parte anche Matteo Reina e Giovanni Cannatella, anche loro finiti ai domiciliari e Achille Cuccia che ha avuto il divieto di dimora a Palermo. La banda operava tra Palermo e Roma. Cillari era di casa nella Capitale come risulta dalle intercettazioni delle drammatiche conversazioni con il conduttore radio Baldini che, tra il 2017 e il 2018, era finito nella rete degli strozzini. "Com'è finita Marco co 'sti soldi? Manco una lira", gli diceva Cillari, non sapendo di essere intercettato. "Domani ci vediamo, stai tranquillo", rispondeva Baldini. Ma il debito non veniva saldato e l'usuraio continuava a incalzare la vittima. "Venerdì vengo a Roma e ci resto fino a venerdì", aggiungeva Cillari con tono minaccioso. Secondo quanto accertato, l'organizzazione criminale, a partire dal 2016, avrebbe erogato prestiti con l'applicazione di tassi di interesse di tipo usurario nei confronti di decine di persone per un ammontare complessivo di circa 150.000 euro.

Marco Baldini vittima degli usurai
Tra le vittime della banda di usurai c'era anche il conduttore radiofonico Marco Baldini. E' quanto emerge dall'operazione Tonsor che ha portato all'esecuzione di cinque misure cautelari personali e al sequestro di beni per 500mila euro. Il gruppo criminale operava tra Roma e Palermo e a capo c'era, secondo gli investigatori delle Fiamme Gialle, Salvatore Cillari, fratello di un boss ergastolano. Nel 2017 Baldini finisce nella sua rete e dalle intercettazioni emerge come a giugno del 2018 il conduttore radiofonico dovesse ancora restituire circa 60mila euro. Non sapendo di essere intercettato, infatti, uno degli indagati rivela: "Avanza un terremoto di soldi!!! Questo Marco Baldini... questo di Roma... ci deve dare (a Salvatore Cillari, ndr) sessanta e rotti mila euro... ora domenica parte... ci ha telefonato... vedi che sto salendo... ti sto venendo a rompere le corna!!!".

INDAGINI
Le indagini, condotte dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Palermo, scattate nel novembre 2019 e andate avanti sino a dicembre 2020, con l’ausilio di intercettazioni telefoniche e ambientali, appostamenti, pedinamenti, videoriprese, esami dei flussi finanziari, hanno permesso di far luce sul gruppo criminale, capeggiato dal 63enne, che, almeno a partire dal 2016, avrebbe erogato prestiti di denaro con l’applicazione di tassi di interesse anche di tipo usurario nei confronti di una vasta platea di persone, orbitanti nell’area palermitana e romana, per un ammontare complessivo pari a circa 150.000 euro. "Parte dei proventi illeciti sarebbero stati poi 'autoriciclati' dal figlio dell'indagato - spiegano gli investigatori delle Fiamme gialle -, attivo collaboratore del padre nelle azioni criminali, in un’attività economica nel settore della ristorazione nel pieno della movida palermitana". Gli altri componenti del gruppo avrebbero operato a vario titolo come intermediari, entrando in contatto con le vittime, proponendo 'piani di rientro', nonché veicolando 'messaggi' per il rispetto della scadenza delle rate concordate.

TASSI DI INTERESSE AL 140%
I tassi di interesse sarebbero arrivati sino al 140 per cento e per ottenere il denaro gli indagati non avrebbero esitato a minacciare le proprie vittime. I prestiti a tassi usurai sarebbero andati avanti anche durante il lockdown approfittando del grave stato di bisogno delle vittime.
Le indagini degli specialisti del Gico del nucleo di Polizia economico-finanziaria hanno fatto luce su un sistema professionale basato sul rilascio di assegni postdatati utilizzati a garanzia dei prestiti erogati, nonché su dazioni in contanti, prive di qualunque tipo di tracciabilità, con l’obiettivo di 'schermare' i passaggi di denaro. Gli investigatori delle Fiamme gialle, attraverso l'esame, il confronto e l’incrocio di informazioni estratte da diverse banche dati hanno accertato "l’assoluta sproporzione tra i beni nella disponibilità degli indagati e i redditi dichiarati". Sono cosi scattati i sigilli per un noto ristorante nel quartiere capo di Palermo, una moto e conti correnti

0

0

0

0

0

Marco baldini
Banda usurai
Vittime
Corna
Guardia finanza
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Il boss a Marco Baldini: vedi che sto salendo! Sto venendo a romperti le corna
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Covid Ragusa: Open Day vaccino AstraZeneca e Johnson over 18
News Successiva
Bomba d'acqua a Modica: strade come fiumi in piena VIDEO