Italia

Coronavirus, don Livio su Radio Maria: "Si sta realizzando il periodo di Satana"

Emittente cattolica

0

0

0

0

0

Coronavirus, don Livio su Radio Maria: Coronavirus, don Livio su Radio Maria: "Si sta realizzando il periodo di Satana"

Roma, 29 feb. - “Con la diffusione del coronavirus si sta realizzando il periodo di Satana”: questa la riflessione di padre Livio Fanzaga, sacerdote di Erba, nel programma che conduce su Radio Maria, fra i più ascoltati dal pubblico dell'emittente cattolica. “Questa pandemia è un ammonimento del cielo – dice don Livio -. Basta ascoltare il messaggio della Madonna di Medjugorie dato a Ivan il 17 settembre per comprendere che l'umanità mette da parte Dio per mettere se stessa al suo posto, in un paese come la Cina, con un potere ateo e materialistico che vuole il potere del mondo”.

Padre Fanzaga cita anche l'apparizione del 25 dicembre 1982, nella quale la Madonna dice alla veggente Mirjana “Ti ho mostrato molte cose terribili”, per poi passare in rassegna le pandemie conosciute che si sono succedute nel corso della storia, dalla Peste nera del '300 alla Spagnola, a quella del '600 di manzoniana memoria, fino all'Asiatica, collocandone il focolaio ai piedi dell'Himalaya. “La natura si è ribellata all'uomo - afferma don Livio -, altrimenti non comprenderemmo la storia umana che è tremenda, dove ha dominato sia la violenza umana che quella della natura sull'uomo. Dio aveva creato l'uomo in armonia con la natura ma anche la natura dev'essere redenta poichè è in atteggiamento aggressivo nei confronti dell'uomo. La natura si è ribellata all'uomo con la sua caduta, anche attraverso i virus”.

0

0

0

0

0

Commenti
Coronavirus, don Livio su Radio Maria: "Si sta realizzando il periodo di Satana"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Abbandona bimbo a Termini, arrestata la madre
News Successiva
Berlusconi contrario a governissimo