Sicilia

Punta Bianca in Sicilia sarà riserva naturale dopo appello di Belen Rodriguez

Lo annuncia il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci

0

0

0

0

0

Punta Bianca in Sicilia sarà riserva naturale dopo appello di Belen Rodriguez
Punta Bianca in Sicilia sarà riserva naturale dopo appello di Belen Rodriguez

Agrigento - Punta Bianca, il promontorio di marina bianca sul litorale di Agrigento, diventerà una riserva naturale anche grazie all'appello lanciato da Belen Rodriguez.  Ad annunciarlo è stato il presidente della Regione Nello Musumeci, a 24 ore di distanza dal post della showgirl argentina sui suoi profili Instagram e Facebook dopo essersi recata a Punta Bianca per il set fotografico della sua linea di abbigliamento."È un luogo meraviglioso ed unico, che meriterebbe una migliore valorizzazione, in senso turistico e ambientale - ha scritto Belen - in questa zona insiste da 63 anni un poligono militare, le cui esercitazioni stanno distruggendo le strade di accesso e bloccando la fruizione turistica. Vorrei fare un appello al presidente Musumeci affinché istituisca la tanto agognata riserva naturale".

Grazie anche a questo appello sui social è stato così ottenuto il risultato che da 25 anni veniva sollecitato dalle associazioni ambientaliste. Il governo Musumeci ha avviato l'iter per la creazione dell'area protetta su circa 300 ettari ricadenti tra Agrigento e Palma di Montechiaro, attraverso l'inserimento dell'intera area nel piano regionale dei parchi e delle riserve.

0

0

0

0

0

Marina bianca
Belen rodriguez
Nello musumeci
Articolo diDirettore

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Punta Bianca in Sicilia sarà riserva naturale dopo appello di Belen Rodriguez
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
9 novembre: Covid Sicilia, 504 nuovi positivi: 7 a Ragusa
News Successiva
Musumeci incontra Salvini a Roma: ministri della Lega ci sostengano