Appuntamenti

Contest Fotografico a Ragusa

Organizzato da Girovite e Casa Editrice Zerobook

0

0

0

0

0

Contest Fotografico a Ragusa Contest Fotografico a Ragusa

Ragusa - Contest fotografico a ragusa. Girodivite in collaborazione con la casa editrice Zerobook comunica che sono aperte, con nuova data di scadenza al 31 ottobre prossimo, le iscrizioni al Contest fotografico giunto alla terza edizione. Le foto devono riprodurre luoghi riscoperti, sia di natura culturale, quali siti archeologici, che di natura prettamente architettonica, come ruderi di antiche case rurali, antichi opifici ecc. Quindi luoghi di interesse abbandonati all’incuria e all’oblio, che meriterebbero di essere rivalutati e posti all’attenzione del pubblico. Lo scopo del premio è quello di raccogliere immagini di questi luoghi dimenticati e di segnalarli alle amministrazioni locali, invitandole al loro recupero.Il regolamento prevede che si possa partecipare con un massimo di 3 fotografie digitali, a colori e/o in bianco e nero, con il lato lungo minimo 1920 pixel , 300 dpi in formato tiff e una copia in formato jpg 75 dpi; le foto devono essere inoltrate via email a: concorso@girodivite.it; i nomi dei file devono essere così composti: Nome Cognome – Titolo.tif e Titolo.jpg; la email deve contenere in allegato la lettera di manleva interamente compilata e firmata.

La quota di partecipazione è fissata a 20 euro, quale contributo da versare con bonifico utilizzando il codice Iban IT57D0306982700100000004350, indicando Nome e Cognome e nome del premio “Un luogo per Zerobook 2021”. Copia del versamento dovrà essere allegata alla email contenente le opere a concorso.Questi i premi del concorso 1° Classificato: Pubblicazione libro fotografico, in formato cartaceo, a cura della casa editrice Zerobook, con regolare contratto di edizione e numero di ISBN, promozione e diffusione; 2° Classificato: Pubblicazione libro fotografico, in formato ebook, a cura della casa editrice Zerobook, con regolare contratto di edizione, promozione e diffusione;

3° Classificato: un Libro fotografico, pubblicato dalla casa editrice Zerobook, selezionato tra le pubblicazioni del catalogo della casa editrice. La Giuria selezionerà 5 finalisti, che saranno avvertiti via email. La classifica finale sarà decretata durante la Cerimonia di Premiazione che si terrà nel mese di Novembre, presso il Magic Lime di Santa Teresa di Riva (Me). I finalisti sono tenuti a partecipare alla Cerimonia. Presidente onorario del concorso è Armando Rotoletti (Messina, 1958). Ha studiato fotografia presso il St. Mary College e il London Polytechnic (ora University of Westimnster), a Londra. A Milano, negli anni Ottanta si è dedicato al fotogiornalismo e, tra il 1985 e il 1995, è stato protagonista di numerose mostre personali e collettive. I suoi reportage sono stati pubblicati da molte riviste, tra cui i settimanali «Sette» e «Io donna» del «Corriere della Sera», «Vanity Fair», «The Sunday Times». Da una decina d’anni si dedica, inoltre, a lavori di ampio respiro e di approfondimento sociale – come Casa della Carità.

I volti le storie (2005), dedicato alla fondazione di don Colmegna, o Barbieri di Sicilia (2007), un viaggio tra le ultime botteghe di barbiere sull’isola – e a paesaggi e volti dei distretti agroalimentari (Langhe, Food Valley): Gente di Barbaresco (2013), è il primo risultato di questo impegno. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Valelapena (2013), Scicli città felice (2014), Vino e gente dell’Etna (2015), Noto. Le pietre i volti (2015), Sicilia in piazza (2017), Selinunte (2019, di Enrico Caruso e Clemente Marconi). (da.di.)

0

0

0

0

0

Contest fotografico ragusa
Ragusa
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Contest Fotografico a Ragusa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Festa dei nonni 2021 domani 2 ottobre: la storia e perchè si festeggia
News Successiva
Comiso, Mondi lontanissimi alla Fondazione Bufalino