Sport

Chiellini: La sconfitta con l'Ajax il rammarico più grande

Torna così sul ko in Champions League

0

0

0

0

0

Chiellini: La sconfitta con l'Ajax il rammarico più grande Chiellini: La sconfitta con l'Ajax il rammarico più grande

Roma, 16 mag. - "Il mio rammarico è essere uscito contro l'Ajax, nonostante gli olandesi avessero dei grandi talenti come de Ligt, de Jong, Tadic. Se vuoi vincere la Champions League, l'Ajax lo devi battere. Poi puoi uscire contro il Real Madrid, il Barcellona”. Torna così sul ko in Champions League dello scorso anno contro i lancieri il difensore della Juventus, Giorgio Chiellini, durante una diretta Instagram con Bobo Vieri. Quanto alla Juve, "noi abbiamo anche sfruttato un ciclo di italiani che è nato 8 anni fa - spiega - sono stati le fondamenta di questa Juve e poi abbiamo cominciato a mettere altri giocatori accanto e la squadra si è rinforzata. Poi alla base c'è sempre la società, la programmazione è fondamentale" dice Chiellini sul segreto del successo bianconero.

"Adesso c'è Cristiano Ronaldo, qualche anno fa c'era Tevez, poi c'è Dybala, sono quelli che ti permettono di crescere in questo modo. Poi -aggiunge - anche sfruttare il ciclo italiano è stata una fortuna: io, Buffon, Bonucci, Barzagli, Pirlo, siamo gente che ha fatto la colonna portante della Juve e della Nazionale per qualche anno, e piano piano ci sono state persone accanto che hanno formato lo zoccolo duro della squadra". "Creare un gruppo di 25 giocatori è molto difficile, quando hai uno zoccolo duro di italiani è molto più semplice", conclude Chiellini.

0

0

0

0

0

Chiellini
Sconfitta ajax
Real madrid
Commenti
Chiellini: La sconfitta con l'Ajax il rammarico più grande
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Barzagli lascia la Juve
News Successiva
Gianluca Vialli e la lotta contro il cancro: ora mostro le mie cicatrici con orgoglio