Curiosità

I vermi con l'aspetto immutato da milioni di anni

Lo studio su Natural History Museum

0

0

0

0

0

I vermi con l'aspetto immutato da milioni di anni I vermi con l'aspetto immutato da milioni di anni

I vermi con l’aspetto immutato da milioni di anni. Si  tratta di un genere di vermi (Stygocapitella), che nonostante l'evoluzione di 275 milioni di anni, ha conservato il proprio aspetto (quasi) immutato.  Lo rivela una ricerca condotta da un team di biologi del Natural History Museum dell'Università di Oslo (Norvegia) e pubblicata su Evolution, ha analizzato l'evoluzione di un particolare genere di anellidi (annelida), gli Stygocapitella, piccoli vermi che abitano da milioni di anni le spiagge di tutto il mondo: la loro (mancata) evoluzione "estetica" rappresenterebbe uno dei casi più estremi di "stasi morfologica".

In 275 milioni di anni gli Stygocapitella si sarebbero evoluti in dieci specie distinte e in quattro morfotipi, tre dei quali praticamente identici tra loro: in altre parole, esisterebbero diverse specie indistinguibili dal punto di vista estetico, perché (quasi) identiche.L'assenza di mutamenti morfologici è un tratto distintivo dei cosiddetti complessi di specie criptiche, ovvero specie diverse con tratti morfologici uguali o quasi identici. «Queste specie possono aiutarci a capire come procede l'evoluzione in assenza di cambiamenti morfologici, e quali sono i fattori che giocano un ruolo importante in questi casi», spiega il professor Torsten Struck del Natural History Museum.

Due delle specie di Stygocapitella analizzate nello studio si sono separate ai tempi dei brachiosauri, ma, 140 milioni di anni dopo, il loro aspetto è rimasto invariato. L'apparenza però inganna: le analisi molecolari hanno infatti rivelato che le due specie sono geneticamente molto diverse, e isolate dal punto di vista riproduttivo.(Focus)

0

0

0

0

0

Vermi
Immutati
Studio
Natural history
Commenti
I vermi con l'aspetto immutato da milioni di anni
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Terremoto: ci sono più scosse di notte o di giorno?
News Successiva
Universo misterioso: puzzle stellare risolto a Pisa