Economia

Modica Alta, lavori a pieno ritmo al Geodetico

Sopralluogo della Monisteri e di Belluardo

0

0

0

2

0

Modica Alta, lavori a pieno ritmo al Geodetico Modica Alta, lavori a pieno ritmo al Geodetico

L’assessore allo Sport, Maria Monisteri, e quello alle Manutenzioni, Giorgio Belluardo, hanno effettuato questa mattina un sopralluogo presso la struttura geodetica di Modica Alta per constatare lo stato di avanzamento dei lavori di ripristino e restauro. Nonostante le festività, i lavori sono continuati a pieno ritmo e a distanza di pochi giorni dall’inizio sono pressoché conclusi. La parte più consistente (installazione della nuova copertura) è stata completata così come il restauro degli spogliatoi. Per consegnare la struttura alle scuole, alle associazioni sportive e ai privati cittadini manca solo la posa del nuovo fondocampo che avverrà a giorni.

“Siamo soddisfatti – commentano i due esponenti dell’Amministrazione Comunale – per la celerità con cui si sono svolti i lavori e per la loro riuscita. Basta ricordare in quale stato versava la struttura solo pochi giorni fa e vedere come è oggi. L’augurio naturalmente è quello che venga usata con criterio e che soprattutto non sia presa di mira dai soliti vandali che in passato l’hanno danneggiata pesantemente. Essa sarà a disposizione delle scuole nelle ore antimeridiane e delle associazioni sportive nei pomeriggi e le sere. Siamo convinti che il Geodetico rappresenti un’importante valvola di sfogo per la carenza di strutture sportive soprattutto dedicate alla pallavolo. Abbiamo risposto ancora una volta con i fatti alle richieste dei cittadini”.

0

0

0

2

0

GeodeticoModica AltaLavori
Commenti
Modica Alta, lavori a pieno ritmo al Geodetico
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Comune di Ragusa: appalti per messa in sicurezza scuole
News Successiva
Bollo auto 2020, quello che c'è da sapere