Comuni

Tutte le sezioni

Lezioni di legalità della GdF nelle scuole di Vittoria

Attualità
06/04/2019 - 00:05

Nell’ambito della 7^ edizione del Progetto “Educazione alla Legalità Economica”, la Guardia di Finanza di Vittoria ha incontrato gli studenti dell'Istituto Professionale di Istruzione Secondaria Superiore “Guglielmo Marconi” e dell’Istituto d’Istruzione Comprensivo “Leonardo Sciascia”. I ragazzi hanno partecipato attivamente agli incontri, manifestando vivo interesse.

Il Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Vittoria, Capitano Andrea Marmorale, intervenuto ai tre incontri, ha messo in risalto l’importanza della consapevolezza di appartenere ad una comunità e dell’accrescimento di un più profondo senso civico, quali strumenti per educare a comportamenti improntati alla legalità. È un’iniziativa questa che, oltre a Vittoria, viene proposta alle scuole primarie e secondarie dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Ragusa e trae origine da un Protocollo d’Intesa siglato tra il Comando Generale delle Fiamme Gialle ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

La Guardia di Finanza propone alle scuole della provincia di aderire a questo progetto diretto a divulgare, già a partire dai piccoli “cittadini”, modelli virtuosi di comportamento che incoraggino la legalità come valore da condividere, perseguire e difendere, attraverso la diffusione di stili di vita positivi, coscienziosi e responsabili, nonché come “conveniente” ed indispensabile elemento per un armonioso sviluppo in campo economico-finanziario. Il Progetto “Educazione alla legalità economica” si concretizza nell’organizzazione di incontri con gli studenti con riferimento all’attività svolta dalla Guardia di Finanza a contrasto degli illeciti fiscali, dello sperpero di denaro pubblico, della contraffazione, dell’abusivismo commerciale, delle violazioni dei diritti d’autore, dei reati in materia di criminalità organizzata e di sostanze stupefacenti, nonché in materia doganale ed in attuazione dei compiti che discendono dal proprio ruolo esclusivo di Polizia del Mare.