Salute e benessere

Silvestri: Virus più buono? Malati gravi da 10% a 1%

Guido Silvestri, virologo italiano docente alla Emory University di Atlanta

0

0

0

0

0

Silvestri: Virus più buono? Malati gravi da 10% a 1% Silvestri: Virus più buono? Malati gravi da 10% a 1%

Milano, 19 mag. - "L'ipotesi di una intrinseca riduzione della gravità clinica di Covid-19 in Italia è quella che spiega nel modo più parsimonioso i dati attualmente a nostra disposizione". Guido Silvestri, virologo italiano docente alla Emory University di Atlanta, in quella che chiama 'Pillola di ottimismo' - la penultima del bollettino-rubrica con cui per settimane ha cercato di spiegare al pubblico social i fatti chiave dell'emergenza coronavirus - torna così "sull'intensa querelle del virus che diventa più buono, sì o no. Quella, per intenderci, per cui Massimo Clementi, Giuseppe Remuzzi e altri sono stati pubblicamente accusati di fare pseudoscienza per aver espresso una loro opinione basata sulle loro esperienze cliniche". "Siccome a me piacciono i numeri e i dati - spiega - sono andato un pochino a sfruculiare nei dati pubblici della Protezione civile. Cosi' ho 'plottato' per il periodo dal 29 febbraio al 17 maggio il rapporto in percentuale tra pazienti in terapia intensiva per Covid-19 e totale casi positivi". Rilevando come "questo valore, che uso come indice crudo della gravità clinica 'media' dei casi di infezione con Sars-CoV-2", sia stato "intorno all'8-10% per i primi 20 giorni dell'epidemia", iniziando poi a "calare regolarmente: al momento è 1,1%. Questi sono numeri e su questi non si discute", chiosa lo scienziato.

Ma questi numeri come vanno interpretati? "Ho deciso di considerare tre fattori - prosegue Silvestri - e di focalizzarmi sugli ultimi 50 giorni (dal 30 marzo al 17 maggio) per evitare il 'confounding factor' del sovraccarico ospedaliero, verificatosi soprattutto a marzo, e noto per ridurre l'efficacia delle terapie di supporto". Ebbene, "in questi ultimi 50 giorni il rapporto tra ricoverati in terapia intensiva e casi totali è passato da 5,5% a 1,11%". Per lo scienziato "il primo fattore da considerare, ovviamente, è il numero di tamponi fatti, perchè uno potrebbe dire: se fai più tamponi, scopri più positivi asintomatici o lievi e questo spiega tutto. Sono andato a controllare ed ecco qui il numero di tamponi eseguiti in media per giorno nei 5 blocchi di 10 giorni qui considerati: 32.591,9 (da -50 a -41 giorni), 48.866,3 (da -40 a -31 giorni), 54.555,4 (da -30 a -21 giorni), 59.162,6 (da -20 a -11 giorni) 62.367,2 (da -10 a ieri). Quindi il numero medio dei tamponi fatti per giorno è aumentato di un fattore poco meno di 2, il che" per il virologo "spiega in modo solamente parziale una riduzione del rapporto ricoveri in terapia intensiva/totale casi di un fattore 5".

"Il secondo fattore - continua Silvestri - è un possibile migliorato trattamento dei soggetti asintomatici una volta diagnosticati. Avendo escluso il 'sovraccarico ospedaliero' come fattore di terapia sub-ottimale, e considerando l'assenza totale di evidenza clinica a favore di trattamenti precoci, l'uso sporadico del remdesivir in Italia e il fatto che l'efficacia clinica della clorochina appare sempre meno probabile, si può concludere che questa ipotesi non sia affatto parsimoniosa".Infine, "il terzo fattore" preso in esame dallo scienziato "è quello di un andamento intrinsecamente migliore della malattia, che può essere spiegato come perdita di virulenza da parte del virus (al momento non dimostrata in vitro o nell'animale da esperimento, ma ipotizzabile sulla base del noto fenomeno del co-adattamento tra virus e ospite) e/o come infezioni meno severe in quanto causate da inoculo virale più basso per le più alte temperature ambientali (consistente con la ben nota stagionalità dei virus respiratori)".

"Come sempre spero che ognuno faccia le sue considerazioni senza lasciarsi andare a frasi ingiuriose, perchè nel nostro ambiente la parola pseudoscienza è un insulto", fa notare. Ma "a mio avviso - conclude appunto Silvestri - l'ipotesi di una intrinseca riduzione della gravità clinica di Covid-19 in Italia è quella che spiega nel modo più parsimonioso i dati attualmente a nostra disposizione".

0

0

0

0

0

Silvestri
Virus italia
Coronavirus italia
Malati gravi covid
Ultime notizie coronavirus italia
Commenti
Silvestri: Virus più buono? Malati gravi da 10% a 1%
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Dieta al contrario per dimagrire mangiando: ecco la Reserve Diet
News Successiva
Dieta contro gastrite: menù d'esempio settimanale