Appuntamenti

Appuntamenti

Modica, tributo a Giorgio Gaber

Al teatro Garibaldi

0

0

0

0

0

Modica, tributo a Giorgio Gaber Modica, tributo a Giorgio Gaber

Modica (RG) – Con un tributo a Giorgio Gaber continua la stagione musicale del Teatro Garibaldi di Modica. Sabato 8 febbraio, alle ore 21.00, un concerto dedicato al poliedrico artista che con il suo teatro-canzone ha raccontato trent’anni del nostro Paese - dagli anni 70 fino alla morte avvenuta nel 2003. Il teatro modicano gli rende un tributo con lo spettacolo dell’Associazione Culturale Art Evolution: in scena Michele Cicero alla fisarmonica e al piano, Giuseppe Guarnieri al pianoforte e alla voce e Antonio Cavallo alle chitarre e ai cori, mentre Riccardo Tona sarà il narratore.

Come da tradizione del teatro-canzone, la musica s’intreccerà con i monologhi e il gioco di luci ricreando quel ritmico alternarsi di canzoni e dialoghi con cui il grande Gaber riuscì ad affrontare importanti tematiche sociali e culturali dell’epoca. Un omaggio che toccherà le più note canzoni del cantautore, da “Destra–Sinistra” a “La libertà”, a “La nave” e tanti altri successi, per ricordare il grande genio e soprattutto la sua straordinaria opera. Lo spettacolo è un fuori abbonamento della stagione di prosa della Fondazione Teatro Garibaldi, presidente il sindaco Ignazio Abbate, direttore artistico Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata; in collaborazione con il Comune di Modica e la Regione Siciliana, e il sostegno di Conad, Gruppo Minardo, Gruppo Zaccaria, Acqua Santa Maria, Avimecc e Banca Agricola Popolare di Ragusa.

0

0

0

0

0

Giorgio gaber
Tributo
Teatro garibaldi
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Modica, tributo a Giorgio Gaber
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
A Ragusa Il Caso scale del gusto
News Successiva
Festa liturgica a Comiso