Curiosità

Nicola Gratteri: le serie tv sulla mafia possono nuocere ai ragazzi

Qualche intellettuale dice che vogliamo censurare la cultura

0

0

0

0

0

Nicola Gratteri: le serie tv sulla mafia possono nuocere ai ragazzi Nicola Gratteri: le serie tv sulla mafia possono nuocere ai ragazzi

"Qualche grande personaggio che si definisce intellettuale dice che vogliamo censurare la cultura. Io invece sono preoccupato perche' i bambini si nutrono di queste porcherie". Cosi' Nicola Gratteri, procuratore capo della Dda di Catanzaro, nell'ambito della rassegna "Estate a casa Berto" che si tiene ogni anno a Capo Vaticano, in un incontro moderato da Paolo Conti del Corriere della Sera, ha bollato come inutili e dannose alcune serie tv che raccontano a suo dire in modo sbagliato le mafie.

Nel mirino finiscono quindi inevitabilmente serie tv di successo come Gomorra che a suo dire influenzano in maniera negativa gli adolescenti. "Oltre a fare il magistrato - spiega Gratteri -, io sono seguito da migliaia di persone per le quali sono un modello, cio' significa che devo stare attento a quello che dico e a quello che faccio. Se so che scrivendo un romanzo, una sceneggiatura o qualsiasi altra cosa posso nuocere al comportamento dei ragazzi - afferma - quel prodotto non lo faccio, altrimenti sono uno spregiudicato o un ingordo che voglio solo guadagnare soldi".

0

0

0

0

0

GratteriSerieMafiaNuocereRagazzi
Commenti
Nicola Gratteri: le serie tv sulla mafia possono nuocere ai ragazzi
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Da Tarantino un tributo all'età dell'oro di Hollywood
News Successiva
Greenpeace lancia allarme clima: incendi in Siberia