Restrizione su orari e somministrazioni

Alcol e sicurezza stradale, proposta di legge di Forza Italia all'Ars

Serve radicale cambiamento culturale

Stragi del Sabato sera, all’Ars Forza Italia presenta ddl per contrastare il fenomeno. La proposta normativa vuole introdurre una limitazione sia alla somministrazione delle bevande alcoliche nei locali notturni, ad esclusiva tutela della salute pubblica, che per ciò che concerne gli orari di chiusura notturna dei medesimi locali.

Proponiamo un radicale cambiamento culturale, che consideri tali spazi come di aggregazione, non di distruzione e devianza”. A riferirlo è il capogruppo di Forza Italia all’Ars, on. Tommaso Calderone, primo firmatario del ddl che per la prima volta in Italia introduce limitazioni sul sistema di distribuzione degli alcolici, degli orari di chiusura dei locali notturni e le sanzioni pecuniarie per i trasgressori. “L’orario di apertura e di chiusura delle discoteche – continua il Parlamentare – delle sale da ballo, dei locali di intrattenimento notturno e di quelli in cui è prevista la somministrazione di bevande alcoliche è così regolamentato: nel periodo invernale dalle ore 22.00 alle ore 2.00, mentre nel periodo estivo dalle ore 23.00 alle ore 3.00 del mattino”.

Punto cruciale dell’impianto normativo appena depositato all’Ars è la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche, la cui vendita è vietata un’ora prima dell’orario di chiusura, e in ogni caso, vietata la loro somministrazione in numero superiore a due. Altra novità è il sistema sanzionatorio per chi non rispetta tali regole. In caso di prima violazione delle norme è inflitta una sanzione amministrativa pecuniaria che varia da 5 mila a 25 mila euro. Alla seconda violazione la sanzione è elevata al doppio dell’importo della prima. Alla terza e ad ogni successiva e reiterata violazione è disposta la chiusura dell'esercizio per un periodo compreso tra i 10 ed i 30 giorni.

Le sanzioni amministrative dovranno essere versate a beneficio delle Casse dei Comuni in cui è ubicato il locale pubblico inadempiente. I gestori ed i titolari dei locali potranno impedire l'accesso a coloro che risultano condannati, anche con sentenza non definitiva, per uno dei delitti concernenti sostanze stupefacenti o psicotrope. 

 
Commenta la News