Attualità

La città che vorrei a Ispica: secondo episodio

Sabato 13 aprile

0

0

0

0

0

La città che vorrei a Ispica: secondo episodio La città che vorrei a Ispica: secondo episodio

La Città che Vorrei: Episodio 2: ancora un successo per il format targato Valìa. Riproposto sabato scorso, 13 aprile.

Colpisce nel segno il secondo episodio de "La città che vorrei", il format dall'associazione politico culturale "Valìa, voglia di Ispica" e riproposto sabato 13 aprile al Convento del Carmine di Piazza Statella a Ispica.

Tre tavoli di lavoro, quattro esperti, i partecipanti ai workshop e un nutrito pubblico serale hanno delineato i contorni di una formula consolidata e di successo, un format che ha tracciato già dalla prima esperienza dello scorso dicembre i contorni di una nuova proposta di visione della città e della gestione civica. Temi di questa seconda edizione sono stati Cultura, Fascia Costiera e Randagismo. Dalle 15:00 alle 19:00 dello scorso sabato gli iscritti ai gruppi di lavoro hanno avuto l'opportunità di partecipare a 4 ore intense e stimolanti di attività e confronto, apportando il proprio contributo di idee e recependo le buone pratiche ed esperienze dei relatori.

Hanno condotto i tavoli tematici quattro punte di diamante dei rispettivi settori di competenza: per la Cultura Alessandro Di Salvo, direttore organizzativo di “A tutto volume”, il festival letterario dal respiro internazionale che da dieci anni a questa parte porta a Ibla gli autori più amati, e Vincenzo Cascone, direttore artistico di “Festiwall”, il festival d’arte pubblica che dal 2015 trasforma Ragusa in uno dei centri più importanti dell’arte urbana internazionale; per la Fascia Costiera Dario Modica, consulente in pianificazione territoriale e sostenibilità ambientale; per il Randagismo Josè Bellisario, Presidente del circolo Legambiente “Sikelion” di Ispica e volontario da sempre in prima linea nella tutela degli animali domestici e della fauna selvatica.

Ricchissimo il confronto con i partecipanti ai tavoli tematici, generato dall'unione di esperienze, competenze e idee confluite poi nella relazione serale che ha seguito i lavori. Hanno relazionato per il tavolo Cultura Marco Ruffino, per quello Fascia Costiera Alessandro Ferla, e per quello Randagismo Tony Maucieri, innescando il nutrito confronto finale col pubblico all'insegna dell'entusiasmo e della voglia di fare. La diretta del dibattito finale è stata trasmessa sulla pagina Facebook dell'associazione Valìa - Voglia di Ispica, ed è disponibile sulla piattaforma social e sul sito www.valiaispica.it
"Siamo molto felici di questo secondo momento di confronto e incontro con la città, - dice il presidente di Valìa Marco Ruffino - perché Valìa continua a unire idee, partecipazione e impegno, e questo non può che aprire prospettive avvincenti nei confronti della nostra comunità. Anche in questo caso come per la vota precedente, i risultati dei lavori si tradurranno in proposte concrete che presenteremo direttamente all'Amministrazione Comunale nei prossimi giorni. Continuiamo a sognare e a disegnare la nostra città ". 

0

0

0

0

0

Citta
Vorrei
Secondo
Episodio
Commenti
La città che vorrei a Ispica: secondo episodio
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Nove nuovi sovrintendenti alla Questura di Ragusa
News Successiva
Modica, tagliate le palme del Monumento ai Caduti