Cultura

Teatro per ragazzi

Spiga, Spago e le avventure di Bandiera a Ragusa

Un messaggio di libertà e rispetto

0

0

0

0

0

Spiga, Spago e le avventure di Bandiera a Ragusa Spiga, Spago e le avventure di Bandiera a Ragusa

Ha già fatto registrare numerosi consensi a Ragusa la rassegna "I colori della fantasia" promossa dal Centro teatro Studi al Marcello Perracchio che ha messo in scena: Spiga, Spago e le avventure di Bandiera. Una storia per insegnare, con leggerezza e fantasia, a vivere liberi nel rispetto degli altri e, vivendo liberi, scoprire il mistero dell’esistenza.

Questo il messaggio trasmesso dagli eclettici attori Laura Tornambene e Giuseppe Ferlito ai giovani studenti ragusani, di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, nell’ambito della rassegna patrocinata dagli assessorati alla Cultura e alla Pubblica istruzione del Comune di Ragusa. La produzione del Cts, con la regia di Franco Giorgio, è un omaggio a “Bandiera” di Mario Lodi. Spiga e Spago sono due squattrinati artisti di strada che vanno in giro per il mondo a raccontare bellissime storie ai bambini. Bandiera - che ha sfidato il vento della morte per vedere e per sapere - è una delle più delicate storie create da un grande scrittore e maestro di vita come Mario Lodi.

Una storia in cui la fantasia è intesa non come mezzo di evasione dalla realtà, ma come mezzo interpretativo dell’esistenza e di crescita. “Parecchie – spiega il regista Giorgio – sono le tematiche che vengono proposte dal testo, quali il rapporto con i genitori; l’attenzione per la natura; il rispetto reciproco fra esseri viventi; la voglia e l’importanza del conoscere e del viaggiare; la ricerca della felicità; avere coscienza di se stessi nel mondo. 

 

0

0

0

0

0

Perracchio
Teatro
Ragazzi
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Spiga, Spago e le avventure di Bandiera a Ragusa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Il Museo civico di Modica diventa più ricco
News Successiva
La Pro Loco Città di Scicli, lancia alcune idee