In barba alla razionalizzazione delle spese

Tribunale di Ragusa, nuovi lavori e nuove spese

Lavori in corso al Tribunale di Ragusa

Nel Palazzo di Giustizia di Ragusa  indagini di natura tecnica dovrebbero accertare o smentire le criticità strutturali dell’immobile, già, comunque, denunciate dai vertici del Tribunale un paio di anni fa. Questi lavori costeranno oltre centomila euro e potrebbero confermare la circostanza della mancanza delle condizioni di sicurezza.

Un altro aspetto, sempre in materia di sicurezza, riguarda l’impianto antincendio nei locali dell’immobile di via Natalelli occupati dalla Procura. L’impianto, infatti, è stato consegnato solo in questi giorni. Anche in questo caso, per diverso tempo, non sarebbero state garantite adeguate misure di sicurezza in un luogo frequentato giornalmente da centinaia di persone. Si sta, insomma, ovviando ad alcune criticità che, a dire il vero, poche figure istituzionali hanno denunciato in questi anni. E si stanno impegnando soldi pubblici che si aggiungono a quelli pagati da cinque anni a questa parte per l’affitto di locali dove sistemare i dipendenti provenienti dal Tribunale di Modica e dalla sezione staccata di Vittoria.

Ora, esiste il rischio di nuove spese, se si concretizzerà l’ipotesi che ha in mente l’amministrazione comunale di Ragusa: trasferire il Tribunale nel vicino Palazzo Tumino, vuoto da oltre trent’anni, e che non ha mai trovato né un acquirente, né un affittuario.