Economia

Ragusa, cresce il fronte dei ristoratori intorno a Confimprese

Una campagna di rivendicazioni a favore della categoria

0

0

0

0

0

Ragusa, cresce il fronte dei ristoratori intorno a Confimprese Ragusa, cresce il fronte dei ristoratori intorno a Confimprese

Provincia di Ragusa, cresce il fronte dei ristoratori intorno a Confimprese
Anche i ristoratori di Santa Croce Camerina, Vittoria, Comiso, Scoglitti e Ragusa.si aggregano a Confimprese iblea che ha lanciato una campagna di rivendicazioni a favore della categoria e che ha già ottenuto impegni da parte dell'amministrazione ragusana dopo un incontro con il sindaco Peppe Cassi' e l'assessore allo sviluppo economico Giovanna Licitra. Il presidente di Confimpresa Ragusa, Pippo Occhipinti ricorda le richieste della categotia  "i  ristoratori iblel chiedono risposte tangibili e rapide. Hanno investito tanto in sanificazioni, dispositivi di protezione per lavoratori e clienti e misure di sicurezza all’avanguardia. I ristoratori ragusani alzano la voce. Lo fanno in maniera corale. Insieme ai colleghi di Santa Croce Camerina, Vittoria, Comiso, Scoglitti e Ragusa. Nasce il “patto” di inclusione, con la condivisione di un percorso comune, nel corso del direttivo di Confimprese iblea,  “allargato” ai ristoratori del territorio ragusano. Una linea di intenti che dovrà servire per sensibilizzare le istituzioni a rivedere i protocolli sanitari e la riapertura  immediata delle attività".

Occhipinti poi prosegue "la forza di Confimprese è il dialogo con le istituzioni. Siamo riusciti a strappare un impegno all’amministrazione comunale di Ragusa e da domani busseremo alle porte di tutti i sindaci con i nostri direttivi territoriali. Il nostro auspicio che il nuovo governo nazionale dia delle risposte immediate ad un settore, quello della ristorazione, in grande sofferenza”. In particolare ai sindaci del territorio ragusano, ma anche alla Regione si chiederà  "la massima trasparenza nella predisposizione dei bilanci. Vogliamo conto e ragione su come vengono gestiti i soldi pubblici. I  comuni possono destinare, con delle variazioni di bilancio, delle somme per le attività colpite dalla pandemia”. All'incontro ha preso parte Roberto Pulino (il ristoratore che da 15 giorni protesta dinanzi al comune di Modica) che ha raccontato lo stato di profondo malessere invitando i  colleghi ad unirsi alla protesta mentre anche  il comitato spontaneo dei ristoratori di Santa Croce farà parte della “famiglia” di Confimprese. Il presidente provinciale Pippo Occhipinti  ha delegato Raffaele Fiaccavento a rappresentare Confimprese Iblea e di costituire il direttivo  a Santa Croce.

“Siamo nati come comitato spontaneo –commenta Fiaccavento -e, per la prima volta, ci siamo trovati tutti insieme a lottare per un unico obiettivo. Abbiamo avuto un incontro con il sindaco Giovanni Barone e la nostra deputazione”. Giovanni Fichera, ristoratore di Scoglitti, è stato delegato dal presidente provinciale a rappresentare Confimprese a Vittoria e Scoglitti. (da.di.)

0

0

0

0

0

Confimpresa
Ristoratori
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Ragusa, cresce il fronte dei ristoratori intorno a Confimprese
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Economia turistica al collasso anche negli iblei
News Successiva
Modica, fondi ex Insicem per imprese anche nel 2021