Politica

Minardo e Chiriaco: no a depositi scorie nucleari in Sicilia

Sarebbe meglio indire un referendum tra i cittadini

0

0

0

0

0

Minardo e Chiriaco: no a depositi scorie nucleari in Sicilia Minardo e Chiriaco: no a depositi scorie nucleari in Sicilia

Modica - L’idea di mettere scorie radioattive e nucleari in alcune aree della nostra Sicilia ad alta vocazione produttiva agroalimentare e turistico ambientale è paradossale e bisogna attivarsi affinché ciò non succeda”. Lo dichiarano il segretario regionale siciliano della Lega Onorevole Nino Minardo e Annibale Chiriaco, Responsabile  Attività Produttive della Lega Sicilia. “In un momento così delicato per le imprese turistiche ricettive ed agroalimentari produttive siciliane, già alle prese con la difficile valorizzazione dei prodotti siciliani e la relativa commercializzazione in un contesto globale, con tutti i problemi connessi volti ad implementare la relativa sicurezza alimentare è impensabile pensare di creare nelle province di Caltanissetta, Palermo e Trapani quattro depositi nazionali di rifiuti tossici nucleari entro il 2025 che creerebbero ulteriori diffidenze e problemi ai consumatori ed ai cittadini delle aree indicate.

Sarebbe meglio indire ,dopo aver ascoltato la Regione Siciliana, un referendum tra i cittadini nei territori indicati di Butera (Cl) Segesta/Calatafimi (Tp) e Petralia Sottana/Castellana Sicula (pa) piuttosto che tout court imporre scelte così misteriose ed improvvise”, concludono Minardo e Chiriaco

0

0

0

0

0

Nino minardo
No scorie nucleari
Scorie nucleari sicilia
Annibale chiriaco
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Minardo e Chiriaco: no a depositi scorie nucleari in Sicilia
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Modica, Nino Minardo: inspiegabile vessazione per ristorazione
News Successiva
Ragusa Territorio, chiarezza sul parcheggio di Ibla