Attualità

Covid 19 Ragusa, 838 positivi e un morto: i dati Comune per Comune

Il Bollettino dell'Asp di Ragusa di oggi 21 dicembre 2020

0

0

0

0

1

Covid 19 Ragusa, 838 positivi e un morto: i dati Comune per Comune Covid 19 Ragusa, 838 positivi e un morto: i dati Comune per Comune

Ragusa- Positivi al Covid 19 ancora in calo e guariti in aumento in provincia di Ragusa. E’ quanto emerge dai dati del Bollettino dell’Asp di Ragusa di oggi, 21 dicembre 2020. I positivi in totale sono 838 di cui 770 in isolamento domiciliare, 50 ricoverati in ospedale e 18 nella Rsa Covid di Ragusa. Tra i 770 in isolamento domiciliare ci sono 6 persone provenienti da fuori provincia. Ma vediamo nel dettaglio dove si trovano i positivi, Comune per Comune, e i ricoverati negli ospedali iblei. I positivi nei vari Comuni del ragusano: 62 Acate, 30 Chiaramonte Gulfi, 76 Comiso, 1 Giarratana, 8 Ispica, 165 Modica, 4 Monterosso Almo, 35 Pozzallo, 141 Ragusa, 23 Santa Croce Camerina, 30 Scicli, 189 Vittoria. Ecco dove si trovano i ricoverati nei vari ospedali iblei: 21 all’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa di cui 16 nel reparto di Malattie Infettive, 2 in area Grigia, 9 in Terapia Intensiva e 23 nell’area Covid dell’ospedale Guzzardi di Vittoria.

I guariti sono 5.129 mentre i morti salgono a 136. Nelle ultime 24 ore è stato registrato un decesso all’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa. Si Tratta di un 63enne di Acate. Sono stati eseguiti 74.249 tamponi molecolari, 19.116 test sierologici, 72.008 test rapidi per un totale di 165.373 esami per Covid 19.

0

0

0

0

1

Covid ragusa
Bollettino
Asp ragusa
Morto covid
Guariti covid ragusa
Dati covid ragusa
Commenti
Covid 19 Ragusa, 838 positivi e un morto: i dati Comune per Comune
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Csen Ragusa, le novità per tesseramenti
News Successiva
Riapre il teatro Garibaldi di Modica: dopo il restauro