Italia

Coronavirus, Sileri “Quarantena dai Paesi a rischio unica difesa”

'Vaccino anti Covid obbligatorio? Se ne parla troppo del vaccino...

0

0

0

0

0

Coronavirus, Sileri “Quarantena dai Paesi a rischio unica difesa” Coronavirus, Sileri “Quarantena dai Paesi a rischio unica difesa”

ROMA - ’’Vaccino anti Covid obbligatorio? Se ne parla troppo del vaccino quando ancora non è disponibile, è possibile sia disponibile qualcosa di funzionale entro fine anno, poi non sappiamo cosa succederà nei prossimi mesi in termini di numeri dei contagi’’. Lo ha detto il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ’’Agorà Estate’’, su Rai Tre.Rispondendo a una domanda sulla quarantena per chi torna da alcuni Paesi, anche dell’area Schengen, Sileri ha risposto così: ’’Se ci sono paesi dell’area Schengen dove l’epidemia è fuori controllo è chiaro che l’unico modo per difenderci è la quarantena e poi l’uso spregiudicato dei tamponi per chi rientra. I numeri cambiano, siamo circondati da paesi dove l’epidemia è fuori controllo, è fondamentale rispettare la regola fissa del metro di distanza e della mascherina. Non sono preoccupato per la settimana di ferragosto, vedremo i numeri dopo il 20 - ha proseguito il viceministro -, sono più preoccupato a osservare i paesi del nord Europa dove le temperature sono già più basse e sono più preoccupato da chi torna della vacanze rispetto ai migranti che arrivano in Italia che sono controllati’’. Per Sileri ’’la guerra attuale è bloccare i focolai, quello che si fa grazie anche alla app Immuni’’.

0

0

0

0

0

Unica
Difesardquo
Rischio
Paesi
Sileri
Ldquoquarantena
Coronavirus
Commenti
Coronavirus, Sileri “Quarantena dai Paesi a rischio unica difesa”
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Musica, Franceschini “12 milioni per i concerti annullati”
News Successiva
Gestione di un centro migranti nel Reggino, sindaco tra i sei indagati