Salute e benessere

Prodotti del tabacco riscaldato, OMS: Non sono innocui

L'Organizzazione mondiale della sanità si pronuncia sui prodotti del tabacco riscaldato

0

0

0

0

0

Prodotti del tabacco riscaldato, OMS: Non sono innocui Prodotti del tabacco riscaldato, OMS: Non sono innocui

ROMA - L’Organizzazione mondiale della sanità si pronuncia sui prodotti del tabacco riscaldato, inquadrandoli ufficialmente come ’’prodotti del tabacco sui quali si applica pienamente la Convenzione quadro dell’Oms sui prodotti del tabacco riscaldato’’ e ricordando agli Stati membri la loro adesione ed i loro obblighi relativi alla Convenzione quadro dell’OMS per il controllo del tabacco (FCTC). La nota arriva direttamente dall’Oms, che - in conseguenza al suo stesso pronunciamento - richiama i Paesi ’’a proibire tutte le forme di pubblicità, promozione e sponsorizzazione del tabacco che promuovono un prodotto del tabacco con qualsiasi mezzo che sia falso, fuorviante o ingannevole o che possa creare un’impressione erronea sulle sue caratteristiche, effetti sulla salute, pericoli o emissioni’’.

L’OMS ribadisce che la riduzione dell’esposizione a sostanze chimiche nocive nei prodotti del tabacco riscaldato (HTP) non li rende innocui, nè si traduce in una riduzione del rischio per la salute umana. Infatti, alcune tossine sono presenti a livelli più elevati negli aerosol HTP rispetto al fumo di sigaretta convenzionale, e ci sono alcune tossine aggiuntive presenti negli aerosol HTP che non sono presenti nel fumo di sigaretta convenzionale. ’’Le implicazioni per la salute dell’esposizione a queste sostanze - conclude l’Oms - sono ad oggi sconosciute’’.

0

0

0

0

0

Riscaldato
Tabacco
Prodotti
Oms
Salute
Innocui
Commenti
Prodotti del tabacco riscaldato, OMS: Non sono innocui
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Shampo in estate: quale usare e con che frequenza
News Successiva
Dieta sugar free: dimagrire senza zuccheri