Salute e benessere

Salute

Dieta veloce 3 giorni: menù

Come perdere peso velocemente

0

0

0

0

0

Dieta veloce 3 giorni: menù Dieta veloce 3 giorni: menù

La dieta veloce dei 3 giorni è una dieta detox che aiuta liberare l’organismo dalle tossine e a drenare i liquidi. E’ una dieta restrittiva che non deve essere seguita oltre i 3 giorni in quanto potrebbe avere effetti negativi sulla salute. Ad ogni modo prima di vedere cosa si mangia nella dieta veloce per perdere peso raccomandiamo di chiedere il parere del proprio medico o di uno specialista prima di seguire questa o qualsiasi altra dieta. Primo giorno: colazione con 150 ml di latte parzialmente scremato, 2 fette biscottate integrali. Spuntino: un centrifugato di verdure. Pranzo: una zuppa preparata con 60 gr di orzo, 50 gr di ceci. Merenda: un centrifugato di verdure. Cena: 150 gr di carne bianca alla griglia,  60 gr di pane di segale, verdure grigliate e un frutto.

Secondo giorno: colazione con un tè, 2 fette biscottate integrali. Spuntino: un frutto. Pranzo: una zuppa di riso integrale (60 gr) e broccoli,  40 gr lenticchie e broccoli. Merenda: un centrifugato di verdure. Cena:  130 gr di pesce spada al forno,  insalata, 60 gr di pane di segnale e una ciotolina di fragole senza zucchero. Terzo giorno: colazione con un tè, 2 fette biscottate integrali. Spuntino: due fette di ananas o una fetta di anguria. Pranzo: una zuppa di farro (60 gr), piselli e carote,  200 gr di piselli freschi,  2 carote. Merenda: un centrifugato di verdure. Cena:  100 gr di carne bianca:  insalata mista,  60 gr di pane integrale e tre prugne.

0

0

0

0

0

Dieta
Veloce
Tre
Giorni
Menu
Dimagrire
Perdere peso
Commenti
Dieta veloce 3 giorni: menù
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Dieta, ecco le 10 regole per dimagrire dopo il lockdown per coronavirus
News Successiva
Fumo: l'esperto, 'in Italia basta pregiudizi su dispositivi a rischio ridotto'