Economia

Avviso

Marina di Ragusa e Castello di Donnafugata: finanziamento da 300 mila euro

Lo chiede l'Amministrazione comunale

0

0

0

0

0

Marina di Ragusa e Castello di Donnafugata: finanziamento da 300 mila euro Marina di Ragusa e Castello di Donnafugata: finanziamento da 300 mila euro

Ragusa - Interventi per l’incremento e la valorizzazione dell’offerta turistica nei siti di Marina di Ragusa e del Castello di Donnafugata.  L’Amministrazione comunale chiede un finanziamento di  300.000 euro  a valere sul bando pubblico della Sottomisura 7.5 del PSR Sicilia 2014 -2020 Gal Terra Barocca. La Giunta Municipale  con delibera n. 169 del 4 giugno scorso ha approvato il progetto esecutivo e l’autorizzazione alla presentazione dell’istanza di finanziamento  per la realizzazione di interventi per l’incremento e la valorizzazione dell’offerta turistica nei siti di Marina di Ragusa  e del Castello di Donnafugata dell’importo complessivo di € 300.000,00  a valere sul bando pubblico della Sottomisura 7.5 del PSR Sicilia 2014 -2020 Gal Terra Barocca.

L’Amministrazione comunale aveva deciso di partecipare al bando pubblico in questione, approvato dal C.d.A. del Gal Terra Barocca, con una precedente delibera di G.M.  dando mandato agli uffici di avviare il procedimento per la progettazione di un intervento per la valorizzazione dell’offerta turistica riguardante la riconversione degli spazi esterni nell’ala sud-ovest del Castello di Donnafugata per finalità ricreative e culturali e la creazione  di un sistema a rete infopoint turistici con sede operativa presso l’antico maniero comunale. Il complesso lavoro di redazione della proposta progettuale e di tutta la documentazione  da presentare a corredo dell’istanza svolto  dal Settore  Sviluppo economico in stretta sinergia con  il Servizio “Progettazione Comunitaria” e dal Servizio “Mobilità Sostenibile”,  è stato coordinato dal vice sindaco con delega allo sviluppo economico Giovanna Licitra.

Gli interventi individuati  riguarderanno la realizzazione all’interno del Castello di Donnafugata di aree e servizi posti in connessione con altre modalità di fruizione del maniero,  come la visita del piano nobile, del Museo del Costume e del Parco, con un’area di accoglienza con infopoint, una sala polivalente per conferenze, workshop, esposizioni, didattica museale, bookshop con annessa caffetteria, nonché il potenziamento del servizio di informazione ed accoglienza turistica  del sistema infopoint mediante la realizzazione di una sede satellite a Marina di Ragusa, in un’area adiacente al porto turistico. “L’obiettivo che intendiamo raggiungere partecipando al bando  - dichiara il vice sindaco Giovanna Licitra -  è quello di promuovere lo sviluppo locale in zone rurali attenuando i divari  economici della  stesse aree  rispetto a quelle urbane stimolando lo sviluppo locale sotto l’aspetto sociale, culturale, ricreativo, turistico, favorendo sviluppi turistici e la conoscenza delle zone rurali  contribuendo a  diversificare e destagionalizzare l’offerta turistica, alla conservazione del paesaggio, alla promozione delle tipicità locali e creazione di opportunità occupazionali.  

La partecipazione attiva ai lavori del GAL, subito dopo l'insediamento dell'Amministrazione Cassì, in una rinnovata sinergia con gli altri Comuni che fanno parte del GAL, con i rappresentanti privati e con l'Ufficio di Piano dello stesso, sta producendo dei risultati concreti. A giorni sarà anche redatta la graduatoria delle imprese che hanno presentato progetti in ambito agroalimentare o turistico, partecipando al bando GAL sulla misura 6.4c e che grazie ad un finanziamento a fondo perduto sino a 100 mila euro potranno cominciare ad investire, creando opportunità di lavoro. Nelle prossime settimane altre possibilità di finanziamento alle imprese  verranno annunciate".

0

0

0

0

0

Amministrazione comunale
Castello donnfugata
Gal terra barocca
Commenti
Marina di Ragusa e Castello di Donnafugata: finanziamento da 300 mila euro
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa: necessarie riforme per terziario e servizi, innovazione e digitalizzazione
News Successiva
Crisi imprese da post quarantena Covid: imprenditori esposti ad usura a Ragusa