Lavoro

Lavoro

Sviluppo sostenibile, Groupe Roullier Zone Italie entra in Fondazione Sodalitas

Per uno sviluppo sostenibile

0

0

0

0

0

Sviluppo sostenibile, Groupe Roullier Zone Italie entra in Fondazione Sodalitas Sviluppo sostenibile, Groupe Roullier Zone Italie entra in Fondazione Sodalitas

Roma, 18 apr. - - Fare impresa in modo sostenibile, e quindi responsabile. È questo il messaggio che guida la nuova adesione del Groupe Roullier Zone Italie, la holding Italiana della multinazionale francese Groupe Roullier, leader mondiale, nel campo della nutrizione vegetale, animale e umana, alla Fondazione Sodalitas, il network di aziende che considerano la sostenibilità come parte integrante delle proprie strategie di business.

Questa scelta si colloca nell'ambito dell'obiettivo comune di rafforzamento e rivitalizzazione del partenariato globale per il raggiungimento dell'Un-Oss 17 dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile (Un-Oss 17). Entrando in Fondazione Sodalitas, Groupe Roullier Zone Italie contribuirà, insieme alle imprese associate, alla generazione di valore sociale condiviso e alla creazione di un futuro sostenibile, inclusivo e di crescita globale.

Fondazione Sodalitas nasce nel 1995 su iniziativa di Assolombarda e di un gruppo di imprese e manager volontari, affermandosi come la prima organizzazione in Italia a promuovere la Responsabilità Sociale d'Impresa. Numerosi i progetti realizzati in co-progettazione e collaborazione tra le imprese e gli stakeholder più rilevanti (istituzioni, terzo settore, scuola, università e centri di ricerca e network internazionali). Le aree di intervento sono tre: 'Giovani e lavoro', 'Inclusione sociale' e 'Territori sostenibili'.

Groupe Roullier Zone Italie è attiva sul mercato italiano con 4 brand: Timac Agro, dedicato alla nutrizione vegetale, Timazootec, destinato alla nutrizione animale, Interaliment, rivolto al settore agroalimentare, e Fertimore, orientato all'esportazione di fertilizzanti. Grazie al supporto del Cmi (Centro Mondiale per l'Innovazione Roullier), il più grande centro di ricerca privato in Europa nel campo della nutrizione, nei due siti produttivi di Ripalta Arpina (CR) e Barletta vengono sviluppati prodotti tecnologicamente all'avanguardia, nel pieno rispetto di ambiente, uomo e territorio.

“L'adesione alla Fondazione Sodalitas è una scelta naturale e consapevole, una tappa decisiva di un percorso iniziato nel 2015 con la pubblicazione del primo bilancio di sostenibilità e orientato alla creazione di un modello aziendale di sviluppo sostenibile incentrato sulla ricerca di un punto di equilibrio tra benessere sociale, prosperità economica e salvaguardia dell'ambiente. Questa collaborazione ci permetterà di progettare e realizzare partnership di valore sociale e partecipare alle campagne europee lanciate da Csr Europe, l'organizzazione dell'Unione Europea per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile”, spiega Pierluigi Sassi, vice presidente del Groupe Roullier Zone Italie.

Le imprese aderenti al network promosso da Fondazione Sodalitas, tutte leader nei principali settori di mercato, sono a oggi 93, tra queste: Brembo, Coca Cola HBC Italia, Enel, Eni, Gucci, Roche e Samsung. “Tramite questa intesa vogliamo costruire collaborazioni che portino al miglioramento reciproco dei protocolli di sostenibilità. Investire in questo campo rappresenta per noi non solo un elemento di crescita e ma anche un'opportunità concreta di diffusione e promozione di valori e politiche aziendali che mirino alla maturazione di una coscienza sociale inclusiva a vantaggio della comunità", conclude Sassi.

0

0

0

0

0

Sviluppo sostenibile
Groupe roullier zone italie
Lavoro
Articolo diAdnkronos

Redazione

Commenti
Sviluppo sostenibile, Groupe Roullier Zone Italie entra in Fondazione Sodalitas
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
E' made in Italy il primo micro-orto in orbita
News Successiva
Rinnovabili, dagli operatori oltre 500mila euro per la Protezione civile