Cronaca

Carabinieri

Furto in un poliambulatorio a Chiaramonte Gulfi

Arrestato 23enne

0

0

0

0

0

Furto in un poliambulatorio a Chiaramonte Gulfi Furto in un poliambulatorio a Chiaramonte Gulfi

Furto in un poliambulatorio a Chiaramonte Gulfi, carabinieri arrestano un 23enne. Lunedì 27 gennaio,  in ottemperanza all’ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dal Tribunale di Ragusa, i carabinieri di Chiaramonte Gulfi hanno tratto in arresto Cascione Corrado, 23enne, in quanto ritenuto responsabile del reato di furto aggravato in danno ad un poliambulatorio medico di Chiaramonte Gulfi. Le indagini dei Carabinieri sono scattate nel mese di dicembre 2019, allorquando il Cascione aveva messo a segno un furto presso il locale presidio sanitario, asportando del denaro contante provento del pagamento dei ticket per le prestazioni sanitarie effettuate dal medico denunciante.

Il provvedimento restrittivo scaturisce dall’attività investigativa svolta dai Carabinieri della locale Stazione, che ha consentito di raccogliere elementi di reità a carico del Cascione grazie ad un’attenta analisi delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona, comparate con gli abiti utilizzati dal malvivente durante la commissione del furto e sequestrati dai militari dell’Arma in occasione di una perquisizione domiciliare presso la sua abitazione. Tutt’ora sono in corso ulteriori indagini finalizzate alla scoperta degli autori di numerosi furti in abitazione commessi nel centro storico del Comune di Chiaramonte Gulfi. Il Cascione, che in passato è stato più volte arrestato dai Carabinieri per evasione, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Siracusa su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

0

0

0

0

0

Furto
Poliambulatorio
Cronaca
Ultima ora
Commenti
Furto in un poliambulatorio a Chiaramonte Gulfi
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Donne arrestate per usura, tutte assolte: il fatto non sussiste
News Successiva
Incidente a Modica: scontro frontale in via Nazionale FOTO