Italia

Lavoro detenuti, la Panarello ad un corso per servizi sociali

Bossetti ripara macchinette per caffè

1

0

0

0

1

Lavoro detenuti, la Panarello ad un corso per servizi sociali Lavoro detenuti, la Panarello ad un corso per servizi sociali

C'è chi studia, chi sta ai fornelli, chi risponde al centralino del call center, chi rigenera macchine per caffè: dopo aver diviso più volte l'Italia tra innocentisti e colpevolisti, quei detenuti che per settimane o mesi, fino alla condanna definitiva, hanno "resistito" sulle prime pagine dei quotidiani vivono ora la reclusione impegnandosi in attività lavorative che consentono loro di mantenere un ponte con la società. Sono retribuiti con la mercede (così si chiama lo stipendio dei reclusi), da poche centinaia di euro e in qualche caso fino a mille euro: denaro che alcuni riservano per sé, altri destinano alle loro famiglie.

Veronica Panarello, 30 anni di reclusione per l'omicidio del figlio Lorys (Santa Croce Camerina, 29 novembre 2014) frequenta nel carcere di Torino un corso per operatore dei servizi sociali. Alberto Stasi, condannato a 16 anni per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi (Garlasco, 13 agosto 2007), è impegnato nella casa di reclusione di Bollate (Milano), modello avanzato di struttura penitenziaria, come centralinista: opera al call center di una nota compagnia telefonica, che ha stipulato una convenzione con la "Bee4 altre menti", impresa sociale fondata nel 2013, che offre opportunità di riscatto a persone che hanno incontrato il carcere. Allo stesso call center aspira Salvatore Parolisi, che ha scontato quasi metà della pena a 20 anni di reclusione inflittagli per l'omicidio della moglie Melania Rea (Civitella del Tronto, 18 aprile 2011).

L'ex caporalmaggiore sta frequentando, sempre a Bollate, uno stage di formazione e presto siederà accanto agli altri centralinisti. A Bollate è detenuto pure Massimo Bossetti, "fine pena mai" per l'omicidio di Yara Gambirasio (Brembate di Sopra, 26 novembre 2010). L'ex muratore di Mapello lavora per conto di un'azienda che, insieme a Bee4, ha creato il progetto Second Chance (seconda possibilità): rimettere a nuovo macchine per caffè espresso ormai rovinate, in fase di demolizione, che vengono rigenerate dai detenuti, i quali così, a loro volta, hanno una "seconda chance" di vita. (Ansa)

1

0

0

0

1

DetenutiLavoroVeronica panarelloMassimo bossetti
Commenti
Lavoro detenuti, la Panarello ad un corso per servizi sociali
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Omicidio Serena Mollicone, i Mottola: siamo innocenti
News Successiva
Auto contro il muro di una casa: muore 25enne