Cronaca

Operazione dei Carabinieri

Pescivendolo spacciatore arrestato ad Ispica

A Pozzallo un arresto per evasione dai domiciliari

0

0

0

0

0

Pescivendolo spacciatore arrestato ad Ispica Pescivendolo spacciatore arrestato ad Ispica

Due arresti sono stati eseguiti dai Carabinieri delle Stazioni di Ispica e Pozzallo nell'ambito di una serie di servizi rinforzati di controllo del territorio volti a contrastare condotte illecite. Ad Ispica, i militari dell’Arma coadiuvati da unità cinofila del Nucleo di Nicolosi hanno eseguito alcune perquisizioni alla ricerca di stupefacente, partendo da alcune segnalazioni della cittadinanza.

Alcuni cittadini avevano indicato la zona della chiesa dell’Annunziata quale luogo frequentato da spacciatori. La perquisizione domiciliare svolta a casa di un soggetto già noto, ha permesso di rinvenire alcune dosi di cocaina, circa 3 grammi già divisa in dosi e pronta per essere immessa sul mercato. Al termine dell’operazione, i Carabinieri hanno arrestato Luigi Valentino Melfi, 30 anni, pescivendolo di Ispica. Lo stesso è stato associato agli arresti domiciliari, misura confermata in sede di convalida dal giudice. La droga è stata sequestrata e trasmessa per le analisi qualitative e quantitative al laboratorio di sanità pubblica dell’ASP. A Pozzallo, i militari della Stazione hanno svolto un servizio con diverse pattuglie sia in abiti civili che con le pattuglie con i colori istituzionali, ed hanno sorpreso fuori casa un pregiudicato che doveva scontare gli arresti domiciliari.

Questi, infatti, sottoposto alla misura si era recato a passeggio senza alcuna autorizzazione. I Carabinieri lo hanno arrestato in flagranza per evasione e ricondotto a casa in attesa di giudizio, a disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura di Ragusa. Le operazioni dell’Arma continueranno nelle prossime ore con numerosi servizi preventivi su tutto il territorio. 

0

0

0

0

0

Carabinieri
Arresti
Spaccio
Commenti
Pescivendolo spacciatore arrestato ad Ispica
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Incendio alla sacrestia a Comiso: preso il piromane
News Successiva
Stupro Vittoria, l'accusato resta in carcere