Appuntamenti

Il cuncursu ha chiuso a Chiaramonte la festa della Madonna delle Grazie

Conclusi ieri i festeggiamenti, ma ci sarà un'appendice

0

0

0

0

0

Il cuncursu ha chiuso a Chiaramonte la festa della Madonna delle Grazie Il cuncursu ha chiuso a Chiaramonte la festa della Madonna delle Grazie

A Chiaramonte Gulfi con il tradizionale “cuncursu”, si sono chiusi i solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima delle Grazie

A Chiaramonte Gulfi con il tradizionale “cuncursu”, si sono chiusi i solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima delle Grazie. Ancora una volta, i fedeli si sono stretti attorno al simulacro della Madonna accompagnandolo nella rituale salita che, ha fatto sì che la statua della Vergine, dopo il periodo trascorso in chiesa Madre, potesse essere riposta nella chiesetta alle pendici della pineta.

Non prima, però, dell’annunciata sosta al cimitero con la tradizionale e sempre sentita benedizione dei campi. Ad accompagnare la processione il corpo bandistico. Tra le celebrazioni eucaristiche che hanno contrassegnato la giornata di ieri, quella pomeridiana officiata da don Fabio Stracquadaini. Il novenario è stato caratterizzato da numerosi momenti di condivisione e di aggregazione ma, soprattutto, da una devozione senza precedenti, da parte dei fedeli, nei confronti di Maria Santissima delle Grazie. I festeggiamenti avranno un’appendice domenica 16 giugno in chiesa Madre con le celebrazioni eucaristiche delle 11 e delle 19 e con il sorteggio, previsto per le 20,30, dei premi messi in palio in occasione dell’edizione 2019 di Maria Santissima delle Grazie. 

0

0

0

0

0

Madonna
Grazie
Cuncursu
Gulfi
Commenti
Il cuncursu ha chiuso a Chiaramonte la festa della Madonna delle Grazie
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
La divisa che unisce, reading a Ragusa
News Successiva
Centro Storico: passato o futuro? incontro a Chiaramonte Gulfi