Milano

Politecnico di Milano, opportunità dal Fintech per le banche

Mette intorno al tavolo studenti

Il Politecnico di Milano mette intorno al tavolo studenti, e societa' del calibro di Banca Generali e Facebook per fare il punto sul ruolo del fintech nei servizi finanziari e nei canali di comunicazione digitali. Per il professor Marco Giorgino, docente di finanza e risk management del Politecnico il 2019 sara' l'anno importante la "finanza tecnologica" considerando gli elevati investimenti da banche e assicurazioni verso realta' di nicchia in questa direzione.

"E' una tendenza molto forte come mostra lo studio sui finanziamenti alle start up che abbiamo condotto negli ultimi 2 anni che evidenzi un incremento del 60% su scala globale. Il supporto sulle tecnologie e' centrale: pensiamo ai big data e all'artificial intelligence che consentono di ottenere importanti benefici sia sul piano operativo, sia sul piano commerciale, sia sui rischi". Positivo sulla centralita' della tecnologia ma senza che questa possa andare oltre al mero ruolo di facilitatore di operazioni immediate e a basso valore aggiunto, anche il Country Director di Facebook Italia. "Facebook ha come business la centralita' del consumatore, utilizziamo la tecnologia per semplificare la vita delle persone fornendo al tempo stesso la possibilita' ai nostri partner commerciali di rafforzare l'interazione col cliente", ha sottolineato Colombo.

Anche una societa' come Banca Generali, leader in un segmento tradizionale -il private banking-, guarda con ottimismo alla partnership nel digitale. La societa' guidata da Gian Maria Mossa rappresenta uno dei pochi casi di "open banking" in Italia, con un sistema tipo hub capace di integrare diverse piattaforme, appunto partner su cui costruire servizi su misura per i propri private banker e clienti. L'ultimo esempio e' la joint-venture con Saxo Bank nell'amministrato e nel trading, cosi' come con Ubs Partner per lo sviluppo di un motore personalizzato nel robo for advisory a tutela dei portafogli.

"L'orientamento ad un ecosistema digitale e' uno dei pilastri del nostro piano industriale al 2021 e l'evoluzione del Fintech rappresenta una grande opportunita' per chi come noi punta sulla qualita' nella relazione di fiducia tra il professionista e le famiglie" -spiega Mossa che aggiunge- "quando ci sono in ballo scelte importanti e progetti di vita, come ad esempio la pianificazione successoria, analisi del patrimonio di imprese o su assets meno liquidi come l'immobiliare, il ruolo di un consulente ben preparato e' fondamentale e il digitale si affianca come uno strumento utile per l'obiettivo. Discorso diverso nelle dinamiche transazionali considerate ormai delle commodities, come ad esempio nei pagamenti, dove la tecnologia gioca un ruolo guida nell'esperienza".

(ITALPRESS)