Benessere

Dieta glicemia, dimagrire con tre menù: pesce, carne o vegetariano

Serve a tenere sotto controllo il livello glicemico

La dieta glicemia serve a tenere sotto controllo il livello glicemico e allo stesso tempo può aiutare a dimagrire. Ecco 3 menù della dieta glicemia: uno a base di pesce, uno di carne e uno vegetariano.

La glicemia si alza dopo i pasti e diminuisce col digiuno; d'altro canto, un organismo sano è capace di gestirla mantenendola entro un intervallo fisiologico. Il glucosio nel sangue può essere misurato con un'analisi di laboratorio o con l'aiuto di un glucometro. La fascia di normalità è compresa tra 70-99mg/dl. Ma vediamo tre esempi di menù della dieta glicemia. Menu a base di pesce: colazione con una arancia, 30 g di salmone affumicato, 30 g di pane di segale e uno yogurt fresco e magro. Spuntini: 1 mela e 5 noci a metà mattina, una pera e uno yogurt fresco e magro a metà pomeriggio. Pranzo: 60 g di pasta al dente condita con tonno (80 g), pomodoro, acciughe (2 filetti) e 2 cucchiaini di olio di lino. Cena: 150 g di pesce spada alla griglia; 50 g di pane integrale e un'insalata di radicchio.

Menu a base di carne: colazione con un pompelmo rosa, 50 g di fesa di tacchino, uno yogurt fresco e magro e 30 g di pane di kamut. Spuntini: 1 fetta di pane integrale tipo toast e 1 fetta di prosciutto cotto a metà mattina, 70 g di ricotta con 2 cucchiaini di cacao amaro a merenda. Pranzo: 150 g di pollo arrosto, una arancia, 30 g di pane integrale, 5 mandorle. Cena: 40 g di prosciutto crudo, 50 g di mozzarella, 50 g di pane integrale, 100 g di ananas. Menu vegetariano: colazione con 150 g di tofu cotto alla piastra, 1 mela, 1 bicchiere di latte, 30 g di pane di kamut.

Spuntini: 1 pera e 20 g di parmigiano a metà mattina, 2 frollini d'avena e una tazzina di latte macchiato a metà pomeriggio. Pranzo: un hamburger di soia, 50 g di pane di segale e un'insalata di cavolo. Cena: 60 g di riso selvatico condito con ragù di soia, una arancia rossa. Come sempre nelle diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di chiedere il parere del proprio medico di famiglia o di uno specialista prima di cominciare qualsiasi regime alimentare dietetico.