Comuni

Tutte le sezioni

Sicurezza stradale, il sindaco di Modica chiede riunione straordinaria del Comitato

Attualità
16/07/2019 - 10:30

Il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate chiede la riunione straordinaria del comitato ordine e sicurezza. Alla luce dell’incredibile serie di tragedie stradali che stanno colpendo la provincia di Ragusa in questi giorni, Abbate ha chiesto al Prefetto la convocazione di una seduta straordinaria del Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica aperto anche ai parlamentari regionali e nazionali del territorio.

“Come Istituzioni non possiamo stare a guardare quello che sta succedendo senza intervenire direttamente. Ritengo sia indispensabile mettere in campo tutti i mezzi che abbiamo a disposizione per mettere un freno a questa catena di lutti che sta macchiando di sangue l’estate 2019. Scene come quelle di Vittoria, Cava d’Aliga e Scicli straziano il cuore e, al netto di qualsiasi considerazione dettata dalla rabbia, inducono a profonde riflessioni. Anche a Modica si è rischiata una tragedia lo scorso mese di novembre quando un’auto a folle velocità si schiantò contro i dehors di un bar di fronte la chiesa di S. Pietro. Solo un incredibile colpo di fortuna ha evitato un bilancio da attentato terroristico. Questo per dire che quello della sicurezza stradale è un problema che riguarda tutto il territorio ibleo.

Come Comuni ci sforziamo ogni giorno di fare il massimo con i pochissimi mezzi a disposizione (non è un mistero che l’organico della Polizia Locale sia ormai ridotto all’osso e assolutamente insufficiente a coprire tutto il territorio) ma abbiamo bisogno di aiuto. Un aiuto che ci può arrivare dal Governo, sia regionale che nazionale, magari inasprendo le pene previste per l’omicidio stradale. Anche se la priorità è naturalmente quella di aumentare i controlli a tutti i livelli perché la prevenzione è alla base della sicurezza. Ritengo che una seduta del Comitato, alla presenza dei Parlamentari iblei per farsi portavoce delle nostre richieste nelle sedi opportune, possa essere un primo passo verso l’intervento deciso delle Istituzioni”.