Economia

Occupazione

660 mila posti di lavoro persi in un anno

secondo i dati Inps, sono state 5.028.000, con una forte contrazione rispetto al 2019 determinata dagli effetti dell'emergenza legata alla pandemia da Covid-19

0

0

0

0

0

660 mila posti di lavoro persi in un anno 660 mila posti di lavoro persi in un anno

Le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati nel corso del 2020 - secondo i dati Inps - sono state 5.028.000, con una forte contrazione rispetto al 2019 (-31%) determinata dagli effetti dell’emergenza legata alla pandemia da Covid-19. Tale contrazione, particolarmente negativa nel mese di aprile (-83%), si è progressivamente attenuata, in corrispondenza dell’allentamento delle misure restrittive nei mesi estivi scendendo sotto il 20% fino a ottobre, per poi risalire contestualmente alla terza ondata della pandemia, tanto che a novembre si è registrata una flessione del 25% e a dicembre (per quanto si tratti di un dato provvisorio) del 42%. Il calo ha riguardato tutte le tipologie contrattuali, risultando però più accentuato per le assunzioni con contratti di lavoro a termine.

Le cessazioni nel corso del 2020 sono state in complesso 5.688.000. La diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-20%) è stata particolarmente accentuata per i contratti a tempo indeterminato e di apprendistato nel periodo marzo-dicembre 2020 (pari rispettivamente a -29% e -31%). Il saldo annualizzato, in progressiva flessione già nel corso della seconda metà del 2019, è divenuto negativo a febbraio (-27.000) ed è peggiorato a causa della caduta dell’attività produttiva conseguente all’emergenza sanitaria a marzo (-283.000) e ancor di più ad aprile (-623.000). La dinamica negativa è proseguita, seppur con un ritmo in progressivo rallentamento, raggiungendo il valore massimo a giugno (-812.000).

A luglio si è avviata un’inversione di tendenza (- 758.000) proseguita lentamente fino a fine anno. Il risultato finale, a dicembre, attesta una perdita di posti di lavoro rispetto al medesimo momento dell’anno precedente pari a 660.000 unità, esito di un risultato positivo per i rapporti a tempo indeterminato (+259.000, dato di nuovo in crescita a dicembre per effetto del consistente volume di trasformazioni) e di un risultato nettamente negativo (-919.000, dato di nuovo in peggioramento a dicembre) per l’insieme delle restanti tipologie contrattuali

0

0

0

0

0

Lavoro
Dicembre
Italpress
Commenti
660 mila posti di lavoro persi in un anno
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Eccellenza siciliana per Pasqua: colomba al cioccolato e al pistacchio
News Successiva
Ragusa, un altro mese da buttare per i saldi