Sicilia

Mafia, Claudio Fava contro Le Iene, il giornalista: nessuna minaccia

Gaetano Pecoraro: nessuna aggressione

0

0

0

0

0

Mafia, Claudio Fava contro Le Iene, il giornalista: nessuna minaccia Mafia, Claudio Fava contro Le Iene, il giornalista: nessuna minaccia

Palermo. ''Non ho fatto nessuna aggressione all'onorevole Fava ma gli ho gentilmente chiesto un'intervista che lui ha accettato di fare, non ho mai fatto nessuna intimidazione o minaccia né a lui né alla Commissione, non ho alle nostre spalle nessun mandante se non la nostra redazione e l'amore per il lavoro che faccio". Così la 'Iena' Gaetano Pecoraro replica alle dichiarazioni rilasciate questa mattina dal presidente della commissione regionale Antimafia Claudio Fava in merito a un'intervista, non ancora andata in onda, alla trasmissione Le Iene.

Fava ha accusato il giornalista di "aggressione verbale" e definito l'intervista "un'intimidazione, un avvertimento a non occuparci più del caso Antoci". "Ci siamo semplicemente permessi di muovere delle critiche sul lavoro svolto dalla Commissione Antimafia riguardo all'attentato ad Antoci e agli uomini della sua scorta - aggiunge Pecoraro - Ad ogni modo, ogni telespettatore, quando l'inchiesta andrà in onda, potrà farsi la propria idea". Il presidente della commissione regionale Antimafia oggi ha messo l'audio dell'intervista a disposizione dei giornalisti e ha comunicato la decisione della commissione di inviare il file alla procura di Ragusa e alla Dda di Catania "per le loro opportune valutazioni". AdnKronos

0

0

0

0

0

Le IeneGaetano pecoraroIntervista FavaCommissione antimafia
Commenti
Mafia, Claudio Fava contro Le Iene, il giornalista: nessuna minaccia
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Antoci: Le Iene calunniano Antimafia. Fava: 84 minuti di aggressioni e ingiurie
News Successiva
Sanità: Policlinico Palermo, in sala operatoria con minicar e tricicli