Economia

A luglio frena l'export, ma su base annua è ancora in crescita

Entrambi i flussi commerciali con l'estero registrano una flessione congiunturale

A luglio 2019 entrambi i flussi commerciali con l'estero registrano una flessione congiunturale, piu' intensa per le esportazioni (-2,3%) che per le importazioni (-0,5%). La diminuzione congiunturale dell'export e' da ascrivere al calo delle vendite sia verso i mercati extra Ue (-3,9%) sia verso i paesi Ue (-1,1%). Lo rende noto l'Istat.

Nel trimestre maggio-luglio 2019 rispetto al precedente si rileva un aumento per le esportazioni (+1,5%) mentre le importazioni risultano stazionarie. A luglio 2019 la crescita dell'export su base annua e' positiva e pari a +6,2%, trainata dall'incremento delle vendite registrato sia per l'area extra Ue (+8%) sia, in misura minore, per quella Ue (+4,7%). Analogamente le importazioni sono in aumento (+1,8%) sia dai mercati extra Ue (+2,8%) sia dall'area Ue (+1%). Tra i settori che contribuiscono alla crescita tendenziale dell'export si segnalano articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+27,3%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+13,9%), articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (+15,3%), mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+13,1%) e articoli di abbigliamento, anche in pelle e pelliccia (+12,8%); mentre nello stesso mese contribuiscono negativamente i prodotti petroliferi raffinati (-19,4%).

(ITALPRESS)