Roma

Raffaele Cantone lascia l'autorità anticorruzione

Con una lettera

Raffaele Cantone lascia l'Anac, l'autorita' anticorruzione. Lo fa con una lettera pubblicata sul sito della stessa authority. "La mia e' una decisione meditata e sofferta - scrive -.

Sono grato dell'eccezionale occasione che mi e' stata concessa ma credo sia giusto rientrare in ruolo in un momento cosi' difficile per la vita della magistratura. Assistere a quanto sta accadendo senza poter partecipare concretamente al dibattito interno mi appare una insopportabile limitazione, simile a quella di un giocatore costretto ad assistere dagli spalti a un incontro decisivo: la mia indole mi impedisce di restare uno spettatore passivo, ancorche' partecipe". "Lascio la presidenza dell'Anac - continua Cantone - con la consapevolezza che dal 2014 il nostro Paese ha compiuto grandi passi avanti nel campo della prevenzione della corruzione, tanto da essere divenuta un modello di riferimento all'estero.

Naturalmente - aggiunge - la corruzione e' tutt'altro che debellata ma sarebbe ingeneroso non prendere atto dei progressi".

(ITALPRESS)