Nella sede della ex Provincia di Ragusa

Assessore Pierobon a Ragusa: firmato protocollo impianti termici

Per il servizio di ispezione di accertamento del impianti termici

Firmato protocollo d’intesa a Ragusa per il servizio di accertamento e ispezione degli impianti termici alla presenza dell’assessore regionale Alberto Pierobon. “C’è solo da applaudire di questo Ente che rispetto ad altri ha avviato in maniera virtuosa e concreta l’iter per il servizio di accertamento ed ispezione degli impianti termici degli edifici ai sensi della legge 10/91”.

Lo ha detto l’assessore regionale all’Energia e ai Servizi di Pubblica Utilità Alberto Pierobon partecipando alla firma del protocollo d’intesa tra il Libero Consorzio Comunale di Ragusa e le associazioni di categoria e dei consumatori. Un protocollo che prevede una stretta collaborazione tra le associazioni dei consumatori che hanno come fine statutario la difesa e la tutela degli interessi dei cittadini e le associazioni di categoria che rappresentano gli interessi delle imprese associate nell’ambito una collaborazione utile ad attuare iniziative promozionali e di divulgazione per il perseguimento di quanto previsto dalle vigenti leggi in materia di efficienza, uso razionale dell’energia e risparmio energetico nonché miglioramento delle condizioni ambientali e garanzia della sicurezza degli impianti termici.

A firmare il protocollo sono stati la Casartigiani, la Confartigianato, la Cna, Sicindustria e Upla-Claai e per le associazioni dei consumatori Adoc-Uil e Federconsumatori. Ad accogliere l’assessore regionale Alberto Pierobon è stato il Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Salvatore Piazza, che oltre a porgere il saluto di benvenuto al rappresentante del Governo Regionale alla sua prima uscita istituzionale a Ragusa ha rimarcato l’impegno dell’Ente nel campo energetico ch’è stato premiato col decreto di finanziamento di un milione e 860 mila euro per l’efficientemento energetico di tre edifici provinciali sfruttando le misure di finanziamento del Po-Fesr 2014-2020 e della scelta antesignana, rispetto agli altri Liberi Consorzi Comunali, di dotarsi di un piano provinciale dei rifiuti che possa essere ‘calato’ nel piano regionale in via di ultimazione.

“C’è la doverosità – ha spiegato l’assessore Pierobon – di recepire le indicazioni provinciali nel piano regionale dei rifiuti e accolgo positivamente l’atto adottato dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa che ha fatto da battistrada in tal senso e che propone di ‘aprire e chiudere’ il ciclo dei rifiuti all’interno del proprio territorio evitando sprechi e costi aggiuntivi per i cittadini”.