Politica

Segnalazionji

Ragusa, Firrincieli M5 torna a insistere su Palazzo Tumino

Firrincieli: occorre cambiare direzione

0

0

0

0

0

Ragusa, Firrincieli M5 torna a insistere su Palazzo Tumino Ragusa, Firrincieli M5 torna a insistere su Palazzo Tumino

Ragusa, Firrincieli M5 torna a insistere su Palazzo Tumino. Ancora un intervento, critico, sulla complessa vicenda della destinazione di Palazzo Tumino, da parte del capogruppo 5 stelle Sergio Firrincieli che, dopo averne parlato nell’ultima seduta in videoconferenza del consiglio comunale, l’ha fatta oggetto di una nota stampa. In essa si legge “trattative più complesse del previsto, le scelte che si vogliono compiere destinate a penalizzare più del dovuto il centro storico di Ragusa già ai minimi termini. Occorre cambiare direzione”. Firrincieli prende le mosse dal fatto che  “l’ennesimo termine per la manifestazione di interesse relativa all’acquisizione di palazzo Tumino da parte di un privato è andato a vuoto” e ricorda “abbiamo atteso, come opposizione e come cittadini, che la situazione si sbloccasse, dopo due anni di trattative che sono state condotte nella più assoluta riservatezza, nonostante si tratti della cosa pubblica, ed ora abbiamo appreso dallo stesso primo cittadino nel corso della seduta di Consiglio comunale che la trattativa assume contorni del tutto discutibili”.

In particolare, per Firrincieli “una delle ultime esternazioni del sindaco circa la possibilità di trovare degli aggiustamenti per rendere più appetibile l’affare per il privato ci aveva già destato qualche perplessità di troppo. Ora viene fuori che per considerare più allettante l’offerta il privato non vuol sentir parlare di palazzo di giustizia in permuta ma gradirebbe una porzione, non si sa quanto sostanziosa, di palazzo Tumino, non si sa per farne cosa. Tenuti fuori, come siamo stati, dalle trattative, anche solo a livello di aggiornamenti, non vogliamo entrare nel merito delle scelte che si andrebbero a fare, ma questa storia del palazzo di giustizia che resterebbe immobile vuoto del Comune suscita un certo allarme. Il cuore del centro storico si può dire che sopravvive solo per il migliaio di persone che giornalmente girano attorno al tribunale e ai suoi uffici: spogliare il centro dell’ultimo volano di movimento significherebbe consegnarlo definitivamente all’abbandono e alla totale inattività, considerato che, finora, non si sono trovate strategie adeguate legate al risveglio di cui si parlava in campagna elettorale”.

Poi il capogruppo pentastellato allarga l’orizzonte del proprio intervento “non solo queste ipotesi cozzano con quanto fatto intravedere dal primo cittadino per il riutilizzo del palazzo di giustizia (un grande hotel con sala congressi che quindi non si realizzerà) ma ne valorizzano altre che avevo avanzato sul possibile utilizzo dell’area dello scalo merci che il sindaco ha stroncato in maniera sbrigativa. Una proposta di immobili dedicati nell’area dello scalo merci è vista dal sindaco solo alla stregua di una colata di cemento, senza pensare a edilizia e ad architetture biosostenibili e alternative sotto l’aspetto ambientale e di energie sostitutive. Aspettiamo da mesi un masterplan per avere una inquinante stazione dei bus e un anacronistico mercatino dell’agroalimentare, per avere questo patrimonio minimale insistiamo in una trattativa che, al momento, pare, ci lascerà una enorme scatola vuota nel vuoto del centro storico, senza certezze per il futuro prossimo”.

Molto critica anche l’affermazione di Firrincieli sul fatto che “che qualunque sindaco deve pensare alla città del futuro, al futuro della città, alla Ragusa che verrà, a quella prossima” e afferma deciso “stiamo esagerando. Un sindaco ha il dovere di trovare soluzioni entro la fine del mandato, ancorché si muova alacremente, con i suoi fedelissimi, non con i suoi alleati, per la ricandidatura. Lo stato delle trattative con i potenziali interessati all’affare Palazzo Tumino ha preso una piega che non ci piace, non vediamo la necessità inevitabile di acquisire a tutti i costi questo bubbone della città, questo scatolone vuoto che non deve essere ‘salvato’ a carico della collettività ragusana”. Poi il capogruppo 5 stelle si avvia alla conclusione chiamando in causa aspetti più generali “inevitabile, d’ora in poi  rendere pubbliche le trattative e le intenzioni degli amministratori, la città deve conoscere idee, progetti e scelte, il risultato delle trattative non depone a favore di quelli che le hanno condotte, dopo due anni e mezzo è tutto allo stato di progetti, il personale delle ville, la vallata Santa Domenica, il Castello e le sue meraviglie, le rotatorie, gli ascensori orizzontali e inclinati, il cinema Marino, tutto troppo lento, se non addirittura fermo.

Piuttosto che risvegliare la città sembra si voglia anestetizzarla, comprendiamo che c’è a disposizione quanto la piazza offre di meglio per il risveglio (di questo siamo convinti), ma non intravediamo soluzioni ai problemi della città”. (da.di.)

0

0

0

0

0

Sergio firrincieli
Palazzo tumino
Commenti
Ragusa, Firrincieli M5 torna a insistere su Palazzo Tumino
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Enrico Morana nuovo consigliere comunale a Modica
News Successiva
Ex Pip di Palermo: stabilizzazione per 3 mila lavoratori