Italia

Crisi di governo. Un sondaggio: italiani tra rabbia e preoccupazione

Negli ultimi giorni, le discussioni all'interno della maggioranza di Governo

0

0

0

0

0

Crisi di governo. Un sondaggio: italiani tra rabbia e preoccupazione Crisi di governo. Un sondaggio: italiani tra rabbia e preoccupazione

ROMA - Negli ultimi giorni, le discussioni all’interno della maggioranza di Governo tra gli esponenti di Italia Viva e il premier Conte, stanno portando l’esecutivo alla crisi. Crisi che, dopo un anno di pandemia e il rischio di una terza ondata di contagi, non è compresa e quindi condivisa dagli italiani. I sentimenti prevalenti, nell’ascoltare queste notizie, sono rabbia, preoccupazione e sconcerto. A dirlo è un sondaggio di Euromedia Research. Per gli italiani, il nostro Paese in questo momento ha altre priorità e non può affrontare anche una crisi politica. Per poco più di 1 intervistato su 4, la soluzione potrebbe essere quella del ritorno alle urne. Ipotesi caldeggiata soprattutto dagli elettori di centrodestra e, in particolare, della Lega. Un altro 26,6%, invece, è convinto sia giusto continuare con questo Governo.

Soluzione, questa, sostenuta da oltre la metà degli elettori 5 Stelle e più di un terzo di quelli del Partito Democratico. Questi ultimi, infatti, si dividono tra questa soluzione e quella di un Governo Conte-3 con la stessa maggioranza, ma con pesi diversi e la sostituzione di alcuni Ministri. Dati Euromedia Research per La Stampa - Realizzato l’11/01/2021 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 1.000 casirappresentativi della popolazione italiana maggiorenne

0

0

0

0

0

Rabbia
Sondaggio
Governo
Italpress
Commenti
Crisi di governo. Un sondaggio: italiani tra rabbia e preoccupazione
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Salvini: Mai con Pd e M5s al governo
News Successiva
Governo, Schifani: Se c'è da staccare la spina si faccia in fretta