Economia

Illuminazione centro storico a Modica: accordo per luce calda

Scompariranno le luci più fredde

0

0

0

0

0

Illuminazione centro storico a Modica: accordo per luce calda Illuminazione centro storico a Modica: accordo per luce calda

Modica - Una proficua riunione tra l’Amministrazione Comunale, la Sovrintendenza ai Beni Culturali e la Ditta appaltatrice ha sancito il nuovo accordo sull’illuminazione nel centro storico di Modica.  Progressivamente scompariranno le luci più “fredde” da 3000 gradi kelvin per essere sostituite da quelle più calde sul mercato a 2200 K°. All’incontro hanno partecipato anche i consiglieri comunali che ne hanno fatto espressa richiesta. L’operazione di rinnovamento energetico partirà da Palazzo degli Studi per proseguire poi con il quartiere Cartellone al di sotto della via Exaudinos e con il quartiere Castello. In seguito, primi mesi del 2021, toccherà anche a tutto il resto del centro storico.

“Parliamo di circa 1800 corpi illuminanti – commenta il Sindaco Abbate – che cambieremo nei prossimi mesi. Ringrazio per la disponibilità mostrata anche oggi il sovrintendente De Marco ed i responsabili della Ditta che si sono messi subito a disposizione. Come avevamo già anticipato nelle scorse settimane, la sovrapposizione di luci di varia gradazione è solo una questione di tempo frutto dei vari periodi e dei prodotti in quel momento reperibili sul mercato. In pochi mesi avremo nuovamente una piacevole uniformità che consentirà di recuperare paesaggi notturni unici nel loro genere”.

0

0

0

0

0

Illuminazione
Amministrazione comunale
Luci fredde
Centro storico
Commenti
Illuminazione centro storico a Modica: accordo per luce calda
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Comiso, ripartono i servizi di segretario sociale per i non udenti
News Successiva
Pozzallo, nuovi impianti di illuminazione: ecco dove