Politica

Comparto agricolo: esonero contributi Inps

Orazio Ragusa: provvedimento del Governo così non va

0

0

0

0

0

Comparto agricolo: esonero contributi Inps Comparto agricolo: esonero contributi Inps

Ragusa - Al fine di favorire il rilancio produttivo e occupazionale delle filiere agricole, dopo i mesi caldi della pandemia, il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, di concerto con il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e con il ministero dell’Economia e delle finanze, ha deciso di riconoscere l’esonero straordinario dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, a carico dei datori di lavoro, dovuti per il periodo dal primo gennaio al 30 giugno di quest’anno, agli operatori del settore. E’ il presidente della commissione Attività produttive all’Ars, on. Orazio Ragusa, a rilevarlo chiarendo che le disposizioni governative hanno a che vedere con le filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura, con le imprese appartenenti alle filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole nonché con quelle dell’allevamento e dell’ippicoltura.

“Da questo esonero – afferma l’on. Ragusa – sembrerebbero escluse le filiere dell’ortofrutta che, al pari delle altre, hanno dovuto fare i conti con il lockdown. Si sono registrate delle perdite importanti e rispetto a cui si attendevano dei ristori che, finora, però, non sono arrivati. Ecco perché sollecitiamo il Governo nazionale a integrare le disposizioni contenute nell’esonero contributivo di cui all’articolo 222, comma 2, del decreto legge 19 maggio 2020 n.34 convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n.77.

Sarebbe opportuno ampliare il più possibile il ventaglio degli esoneri per dare modo a tutta l’agricoltura, nel senso più estensivo del termine, di beneficiare di questi supporti di carattere economico che consentirebbero anche alle aziende del settore ortofrutticolo, ampiamente sviluppato lungo la fascia trasformata siciliana, in particolare nelle province di Ragusa e di Siracusa, di tirare un grosso sospiro di sollievo. Sappiamo quanto sofferente sia il comparto agricolo e il fatto di non dovere più pensare al pagamento dei contributi Inps limitatamente al periodo dell’anno individuato rappresenterebbe uno sgravio che consentirebbe di mettere in sicurezza i bilanci delle varie aziende”.

L’on. Ragusa, poi, fa un’altra riflessione: “Durante il lockdown, è passato un messaggio specifico e per questo voglio complimentarmi con i produttori agricoli siciliani. Sempre più persone, infatti, hanno consumato i prodotti italiani e, nello specifico, isolani che hanno così messo in rilievo la propria qualità e salubrità”.

0

0

0

0

0

Contributi
Esonero
Inps
Comprto agricolo
Commenti
Comparto agricolo: esonero contributi Inps

Rosario

Una richiesta legittima,per il comparto ortofrutta,in grande sofferenza.Complimenti ha chi si ricorda che esiste anche l'agricoltura spesso dimenticata.

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa, degrado centro storico: il sindaco compie sopralluogo
News Successiva
Ragusa Territorio: museo del Costume quanto ci costa?