Salute e benessere

Salute

Napoli, bimba recupera udito con ricostruzione in 3D

E' tornata a sentire

0

0

0

0

0

Napoli, bimba recupera udito con ricostruzione in 3D Napoli, bimba recupera udito con ricostruzione in 3D

Roma, 16 giu. - E' tornata a sentire grazie alla ricostruzione in 3D dell'osso temporale una bimba con grave deficit dell'udito a causa di malformazioni congenite. L'eccezionale intervento è stato eseguito dall'Unità di Chirurgia protesica della sordità Infantile dell'ospedale Santobono-Pausilipon di Napoli, diretta da Antonio della Volpe. Si tratta - a detta dei medici partenopei - "dell'utilizzo per la prima volta in Italia di una tecnica innovativa in campo otochirurgico per la pianificazione preoperatoria". La bambina - riferisce una nota - affetta da Atresia auris (malformazione congenita con assenza del padiglione auricolare, del condotto uditivo esterno e dell'orecchio medio) presentava un grave deficit uditivo e quindi problemi di apprendimento scolastico.

Con l'utilizzo di moderni software di elaborazione di immagine è stato prodotto, a partire dall'esame TC, un modello digitale 3D della zona di interesse sul quale è stato effettuato un vero e proprio planning chirurgico pre-operatorio grazie al quale è stato possibile visualizzare più accuratamente l'anatomia del paziente e stabilire la strategia operatoria con estrema precisione. Infine è stata realizzato mediante stampa 3D un modello anatomico della struttura di interesse estremamente accurato e realistico, di modo da aumentare la capacità di comprensione del caso specifico da affrontare

0

0

0

0

0

Bimba
Udito
Tre d
Osso
Intervento
Commenti
Napoli, bimba recupera udito con ricostruzione in 3D
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Dieta delle insalate a giugno, ecco come dimagrire: menù
News Successiva
Batterio killer colpisce cervello di neonati: chiuso punto nascite