Attualità

Ragusa, donati gli organi di Graziana Mattei

La catechista ragusana morta ieri per un'aneurisma

0

0

0

0

0

Ragusa, donati gli organi di Graziana Mattei Ragusa, donati gli organi di Graziana Mattei

Ragusa – Un gesto d’amore in un momento di emergenza. E’ quello avvenuto oggi all’ospedale di Ragusa dove sono stati prelevati gli organi della giovane donna, Graziana Mattei, la 41enne catechista ragusana morta ieri per un’aneurisma. Il prelievo di organi è stato eseguito all’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa.Gli organi prelevati sono stati i polmoni, il fegato, i reni e le cornee che aiuteranno molte persone in attesa di una nuova speranza di vita. L'equipe proveniente dall'ISMETT di Palermo, con i medici di Ragusa, coordinati dal dott. Luigi Rabito, ha effettuato le operazioni per il prelievo dei polmoni, che salveranno la vita di una ragazza palermitana da giorni collegata ad apparecchiature e tenuta in vita in attesa di un possibile trapianto.

I reni saranno trapiantati a due pazienti, uno presso l'ISMETT e uno al Policlinico di Catania. Il fegato salverà un bambino di Roma e un altro paziente in attesa all'ISMETT di Palermo. Alla donna sono state espiantate anche le cornee che saranno trasportate alla banca delle cornee di Mestre. In un momento così difficile un gesto di generosità talmente importante non deve passare inosservato e per questo ringraziamo la famiglia della paziente con sincera emozione, e gli operatori guidati dal dott. Rabito, che incessantemente da ieri mattina hanno svolto questo difficilissimo compito.

0

0

0

0

0

Prelievo organi ragusa
Graziana mattei
Ospedale ragusa
Ragusana morta aneurisma
Commenti
Ragusa, donati gli organi di Graziana Mattei
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Coronavirus Comiso, sindaco: nuovo caso positivo al Covid 19, restate a casa
News Successiva
Modica, c'è chi porta la cena in ospedale: infermieri: grazie di cuore