Economia

Nel 2030 l'auto elettrica sorpasserà quella tradizionale

toccheranno il 51%

0

0

0

0

0

Nel 2030 l'auto elettrica sorpasserà quella tradizionale Nel 2030 l'auto elettrica sorpasserà quella tradizionale

Le vendite di veicoli elettrici crescono più velocemente del previsto: arriveranno a un terzo del mercato mondiale dell'auto entro il 2025 e toccheranno il 51% entro il 2030, quando supereranno quelle di veicoli alimentati da motori a combustione interna. Lo evidenzia il report di Boston Consulting Group “Who Will Drive Electric Cars to the Tipping Point?” che ha corretto al rialzo le precedenti stime del 2017. Un'accelerazione dovuta al sostegno degli incentivi statali, alle regolamentazioni sempre più severe sulle emissioni che spingono i produttori a concentrarsi sull'elettrico, ma anche alla sensibile diminuzione dei costi delle batterie e all'aumento della soddisfazione dei consumatori.

Mentre nel 2030 la quota di mercato del diesel è destinata a contrarsi dal 14% del 2019 al 4% e quella della benzina dal 78% del 2019 passerà al 44%, il futuro dell'automobile guarda all'elettrico. Secondo Bcg, il mix delle diverse tipologie, tra veicoli a batteria elettrica Bev (battery electric vehicle), ibridi elettrici plug-in Phev (plug-in hybrid electric vehicle), ibridi completi Hev (hybrid electric vehicle) e ibridi leggeri Mhev (mild hybrid electric vehicle), varierà a seconda dei mercati. Ma tra dieci anni ben un quarto del mercato mondiale dell'auto sarà costituito da elettrici a batteria Bev (18%) e ibridi plug-in Phev (6%), le due tipologie in maggiore crescita, che accelereranno nella seconda metà del prossimo decennio.

Il calo dei prezzi delle batterie porterà a un punto di non ritorno il costo totale di possesso (Tco) a cinque anni di un'auto Bev nel 2022 o 2023 (a seconda della regione e alle dimensioni dell'auto) e una spinta verrà anche da taxi e servizi di trasporto passeggeri. La crescita delle vendite di Phev sarà più lenta, ma sostenuta dai produttori e dagli incentivi. Anche l'interesse dei consumatori per l'elettrico sta crescendo rapidamente: nel 2018 i sondaggi statunitensi mostrano quasi il 40% in più di persone interessate a un veicolo Phev e il 20% in più a un Bev rispetto al 2010, mentre il 70% dei proprietari di veicoli elettrici intende acquistarne di nuovi.

In questo scenario, l'industria può guardare in modo più strutturato al futuro: i primi 29 produttori Oem (Original Equipment Manufacturer) prevedono di investire oltre 300 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni per la produzione di veicoli elettrici ed entro il 2025 dovrebbero essere lanciati circa 400 nuovi modelli. Entro il 2023, sarà il mercato a guidare le vendite dell'elettrico, fino ad allora per mantenere lo slancio serve una spinta pubblico-privato, sostenuta da incentivi e normative ad hoc.

La diffusione di auto elettriche contribuirà a ridurre la quantità di gas serra. Seppure diversi studi abbiano dimostrato che, a seconda della regione di produzione del veicolo e delle dimensioni della batteria, la produzione di un veicolo Bev può generare più emissioni di Co2 rispetto a quella di un veicolo a combustione interna Ice, una volta in funzione gli elettrici garantiscono migliori emissioni nel ciclo completo well-to-wheel. E l'impatto positivo globale è destinato ad aumentare nel prossimo decennio con l'aumento della percentuale di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Per queste ragioni, l'accelerazione dei veicoli elettrici ha implicazioni importanti per tutti gli stakeholder e per l'intero pianeta. Gli Original Equipment Manufacturer e i fornitori dovranno investire in nuove tecnologie, capacità e modelli di business. I governi e le autorità di regolamentazione dovranno valutare con attenzione come l'elettrificazione dei veicoli cambierà i requisiti di trasporto e come possono contribuire a questa evoluzione attraverso politiche e normative adeguate.

0

0

0

0

0

Auto
Elettrica
Commenti
Nel 2030 l'auto elettrica sorpasserà quella tradizionale
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Altroconsumo: "Bene Antitrust su bollette a 28 giorni"
News Successiva
Conserve Italia certifica impatto ambientale dei suoi prodotti