Italia

Turisti inglesi in Italia, in aumento la spesa

Nel primo semestre 2019

0

0

0

0

0

Turisti inglesi in Italia, in aumento la spesa Turisti inglesi in Italia, in aumento la spesa

Nel primo semestre 2019 la spesa dei viaggiatori dal Regno Unito in Italia e' di 1,7 miliardi di euro, in crescita del 15,6% sullo stesso periodo del 2018. La spesa pro-capite a notte e' di 106 euro.

Si sceglie di restare in Italia almeno 5 giorni, in particolare al Sud per visitare Matera, la Sicilia e gustare le eccellenze enogastronomiche laziali, toscane, piemontesi e pugliesi. L'Italia va alla conquista di Londra: Enit-Agenzia Nazionale del Turismo "decora" la citta' con la campagna massiva "Live the beauty, you are in Italy", diffusa in tutti gli aeroporti internazionali e all'ExCeL Exhibition Centre. Inoltre 170 taxi brandizzati "Italia" rilasceranno ricevute con il logo dello Stivale. Il circuito di Westmister, con quasi 40 display a Londra trasmettera' in loop le immagini del Bel Paese che saranno visibili anche negli aeroporti di Luton, Gatwick ed ovviamente Heathrow.

Enit anticipa cosi' parte dei festeggiamenti dei 100 anni dell'Agenzia Nazionale del Turismo che culmineranno a novembre in Italia. Ci saranno la Black Box Band di Daniele Davoli e Dj Albertino sul rooftop dello Sky Garden di Londra il 4 novembre prossimo in occasione della fiera Wtm (World Travel Market London), il principale evento mondiale per l'industria dei viaggi che mette in comunicazione i professionisti del settore attraverso una rete globale di opportunita' personali e commerciali.

0

0

0

0

0

Aumento
Spesa
Turisti
Inglesi
Italia
Commenti
Turisti inglesi in Italia, in aumento la spesa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Governo, Salvini: quanto durerà ancora il silenzio del Quirinale?
News Successiva
Manovra, Franceschini: discutere senza risse