Termini Imerese

Blutec: operai si incatenano a Termini Imerese, Fim intervenga Di Maio

Sit-in organizzato con Fim, Fiom e Uilm

Tornano a protestare gli operai Blutec a Termini Imerese, in provincia di Palermo. Un sit-in e' stato organizzato, insieme ai rappresentanti di Fim, Fiom e Uilm, davanti ai cancelli della fabbrica, nell'area industriale. Alcuni lavoratori dell'indotto ex Fiat si sono incatenati in segno di protesta.

"Abbiamo nuovamente inviato una richiesta d'incontro urgente al ministero dello Sviluppo Economico, molti lavoratori dell'indotto, che oggi hanno protestato incatenandosi ai cancelli, non hanno piu' la copertura degli ammortizzatori sociali e la situazione e' sempre piu' allarmante", lamentano Ludovico Guercio, segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani, Antonio Nobile, segretario provinciale Fim, e Giacomo Raneri coordinatore Fim Termini Imerese, alla luce della nuova protesta scattata stamane davanti ai cancelli della Blutec. "Non si puo' andare avanti cosi' nell'incertezza - aggiungono in sindacalisti della Fim Cisl -, e' necessario riprendere subito i tavoli con governo nazionale e regionale mentre attendiamo ancora che FCA chiarisca se e come puo' contribuire a far ripartire il sito altrimenti".

"I lavoratori - sottolineano - si appellano al ministro Di Maio, mantenga le promesse fatte durante la sua visita a Termini di due mesi fa, se Blutec e' una partita chiusa si cerchino nuovi investitori".

(ITALPRESS)