Salute e benessere

Coronavirus e alimentazione

Dieta chetogenira normocalorica contro iperinfiammazione Covid

Lo studio di Sukkar e Bassetti su Nutrition

0

0

0

0

0

Dieta chetogenira normocalorica contro iperinfiammazione Covid Dieta chetogenira normocalorica contro iperinfiammazione Covid

La dieta chetogenica normocalorica è la dieta ideale per combattere l'iperinfiammazione del virus Covid. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nutrition. Il nuovo studio pilota, di cui un’anteprima è stata pubblicata sulla rivista Nutrition nell’attesa dello studio scientifico completo, è opera del noto infettivologo italiano Matteo Bassetti e del Direttore responsabile UOD Dietetica e Nutrizione Clinica del Policlinico San Martino di Genova, Samir Giuseppe Sukkar. Lo studio sul tipo di alimentazione da seguire per cobattere il Covid parte da un presupposto: le forme più gravi di Covid-19 sono caratterizzate dalla “sindrome da tempesta di citochine” (CSS) e dalla coagulazione intravascolare disseminata (DIC). La CSS è caratterizzata da sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), shock settico, seguita da insufficienza multiorgano e coagulazione intravascolare disseminata (CID), che rappresentano le principali cause di mortalità. La tempesta di citochine è più frequentemente osservata nei pazienti con diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari e obesità che, non a caso, sono proprio tra le persone più a rischio di complicanze per Covid-19.

Sulla tempesta di citochine sarebbe in grado di agire una dieta chetogenica normocalorica (EKD). Il termine “dieta chetogenica (KD)” descrive una varietà di diete di composizione variabile che sono ricche di grassi, molto povere di carboidrati e sono classicamente composte da un rapporto macronutriente 4: 1 di grasso-proteine (che varia a seconda del apporto calorico) e carboidrati inferiori a 30 g / giorno. Lo studio ha dunque ipotizzato che tale tipo di alimentazione, riducendo l’apporto di glucosio dalla dieta, possa favorire il processo antinfiammatorio attraverso la modulazione del metabolismo immunitario. Una  dieta chetogenica normocalorica sarebbe in grado di ridurre la disponibilità di glucosio per la glicolisi aerobica (effetto Warburg-like) nei macrofagi M1. L’obiettivo principale di questo approccio è quello di inibire l’iperattivazione degli M1, che provoca la sovrapproduzione di citochine proinfiammatorie, con conseguente accumulo eccessivo di monociti, neutrofili e piastrine.

Ci sono diverse evidenze scientifiche precedenti a sostegno di questa tesi (le potete trovare nell’articolo su Nutrition) ma per avere un’ulteriore conferma il nuovo studio controllato randomizzato è stato sviluppato presso l’IRCCS San Martino di Genova e presentato al Comitato Etico Regionale (protocollo KETOCOV-1 10517). Questo prevede il trattamento di pazienti con COVID-19 di gravità moderata in centri ospedalieri utilizzando un EKD con cibo mediterraneo naturale. Lo scopo principale è cercare di prevenire la progressione verso la CSS, ridurre la mortalità e il trasferimento a unità di terapia subintensiva intensiva o prevenire la necessità di pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) o intubazione. Alla luce di questi possibili presupposti, un protocollo nutrizionale internazionale potrebbe essere avviato nei pazienti durante i primi giorni dei sintomi del COVID-19, utilizzando un trattamento metabolico per la prevenzione di una malattia in cui approccio terapeutico è ancora molto limitato.

0

0

0

0

0

Dieta chetogenica
Normocalorica
Covid
Sukkar
Bassetti
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Dieta chetogenira normocalorica contro iperinfiammazione Covid
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Cosa mangiare contro il Covid: dieta con pochi carboidrati e molti grassi
News Successiva
Vaccino, arrivate a Pratica di Mare 430mila dosi di Vaxzevria (AstraZeneca)