Attualità

Ragusa

Covid Ragusa, 1374 positivi e altro decesso: morto uomo di Comiso

Il bollettino dell'Asp di Ragusa

0

0

0

0

1

Covid Ragusa, 1374 positivi e altro decesso: morto uomo di Comiso Covid Ragusa, 1374 positivi e altro decesso: morto uomo di Comiso

Positivi ancora in aumento in provincia di Ragusa. In totale oggi, 30 luglio, secondo il bollettino dell’Asp di Ragusa, sono 1374 di cui 1324 in isolamento domiciliare, 44 ricoverati e 6 nella Rsa Covid dell’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa. I guariti sono 12.758 e i morti 280. Un decesso è stato registrato nelle ultime 24 ore. Si Tratta di un uomo di Comiso di 84 anni morto nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Giovanni Paolo II. Ma vediamo nel dettaglio i positivi nei vari Comuni della provincia di Ragusa:
13 (+1) Acate
19 (-2) Chiaramonte Gulfi
112 (-10) Comiso
8 Giarratana

21 (+6) Ispica
103 (+10) Modica
1  Monterosso
128 (+5) Pozzallo
228 (-4) Ragusa
134 (-1) Santa Croce Camerina
108 (+14) Scicli
449 (+55) Vittoria

Stabile il numero dei ricoverati. Vediamo nel dettaglio: all’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa ci sono 16 nel reparto di Malattie Infettive (15 residenti e 1 fuori sede) e 4 in Rianimazione (3 residenti e 1 fuori provincia) e 19 in area grigia (16 residenti e 3 fuori provincia) mentre 5 residenti è ricoverato nell’area grigia dell’ospedale Guzzardi di Vittoria. Infine vediamo i dati aggiornati ad oggi, 30 luglio, i dei test Covid: 174.757 tamponi molecolari, 31.085 test sierologici, 196.914 test rapidi per un totale di 592.756.

0

0

0

0

1

Covid ragusa
Bollettino
Asp ragusa
Articolo diFeri

Giornalista

Commenti
Covid Ragusa, 1374 positivi e altro decesso: morto uomo di Comiso
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Allerta rossa in Sicilia: forte caldo e rischio incendi anche a Ragusa
News Successiva
Tolleranza zero a Scicli: chi sporca finisce su facebook