Italia

Tassa

La tassa di successione non è uno scandalo

Letta: in Italia la tassa di successione ha un gettito minimale, è un regalo che si fa ai ricchi

0

0

0

0

0

La tassa di successione non è uno scandalo La tassa di successione non è uno scandalo

ROMA - ’’In Italia la tassa di successione ha un gettito minimale, è un regalo che si fa ai ricchi del nostro Paese. Non c’è nessun sudore a ereditare patrimoni milionari, uno dei capisaldi dello Stato liberale è partire dallo stesso punto’’. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, ospite di Rtl 102.5.’’In Italia non deve essere uno scandalo reintrodurre una tassa di successione sui patrimoni plurimilionari - ha aggiunto -. Riguarda l’1% della popolazione e mi sono stupito nel vedere l’altro 99% scandalizzarsi’’.Riguardo al blocco dei licenziamenti, ’’il confronto si fa, si farà, con la Lega e con gli altri partiti di maggioranza, su come far sì che i lavoratori italiani vivano la ripartenza della nostra economia in una situazione nella quale sono stati protetti dal blocco dei licenziamenti. Un blocco che ha protetto una parte dei lavoratori, ma tantissimi altri hanno perso il loro posto di lavoro nonostante queste norme, per un mercato ormai troppo precario.

L’apertura di Salvini si riferisce al blocco dei licenziamenti che noi volevamo prorogare, nel confronto interno al governo abbiamo chiesto di prorogarlo, soprattutto per i settori più colpiti - ha spiegato Letta -. Su questo Salvini ci ha lasciato soli e ora interviene, per questo c’è scetticismo, noi siamo per la linearità’’.

0

0

0

0

0

Successione
Tassa
Letta
Italpress
Articolo diItalpress

Collaboratore

Commenti
La tassa di successione non è uno scandalo
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Bonus Iscro fino a 800 euro: a chi tocca e come averlo
News Successiva
Crollo funivia, il piccolo Eitan non è più in pericolo di vita