Attualità

Associazione

Ragusa, Associazione Adessobasta esclusa da Consulta femminile

L'interpretazione formale, motivo della bocciatura, si aggancia all'art 5 dello Statuto della Consulta

0

0

1

0

0

Ragusa, Associazione Adessobasta esclusa da Consulta femminile Ragusa, Associazione Adessobasta esclusa da Consulta femminile

Ragusa, Associazione Adessobasta esclusa da Consulta femminile.#adessobasta è una associazione femminile nata due anni fa sull’onda dell’emozione e dello sconcerto per i femminicidi, a distanza di sei mesi l’un dall’altro, di Maria Zarba e di Alice Bredice, uccise dai rispettivi mariti, e distintasi per una lunnga serie di inziative contro la violenza di genere. Eppure la sua richiesta di  inserimento nella Consulta Femminile Comunale, è stata respinta. E’ la stessa associazione a spiegarne il motivo “perché nel suo statuto prevede, sì, un direttivo composto solo da donne, ma consente l’adesione anche a chiunque ne condivida gli scopi statutari. L’interpretazione formale, motivo della bocciatura, si aggancia all’art 5 dello Statuto della Consulta, laddove recita che: “… è composta da due rappresentanti di associazioni femminili operanti nella città di Ragusa …”. Si badi bene: non di associazioni esclusivamente femminili. Tant’è che ne fanno parte rappresentanti di associazioni, partiti (solo quelli presenti in Consiglio: alla faccia del pluralismo e della democrazia!), sindacati, con l’ingegnosa furbata di avere un settore, all’interno, tutto al femminile: a volte realtà effettivamente esistente, a volte creata legittimamente per poter essere ammesse”. Le rappresentanti di #adessobasta osservano “noi rifiutiamo di ricorrere a questo sotterfugio, avendo superato la voglia e l’età di giocare ancora con le Matrioske (la bambolina all’interno di un’altra più grande e, cioè, una sezione femminile all’interno della più ampia associazione femminile).

La rifiutiamo, innanzitutto, per dignità ma, anche e soprattutto, perché riteniamo che solo attraverso un incessante percorso culturale sarà possibile per gli uomini abbandonare ogni incrostazione che li porti a manifestare violenze psicologiche, o peggio, fisiche contro le donne, conducendo a un vero ed effettivo rispetto nei loro confronti. Da qui la scelta di non chiuderci in un ghetto auto-referenziale, pur riservando la facoltà decisionale e il coordinamento organizzativo tutto al femminile; che l’interpretazione dell’art.5 dello Statuto sia restrittivamente arbitraria da parte della Consulta e, a tal proposito, chiediamo al Consiglio Comunale tutto di Ragusa che - a suo tempo - lo ratificò, di darne l'interpretazione autentica e, possibilmente, di emendarlo in senso migliorativo.  

Infine, ci si consenta di chiedere a chi rappresenta la Consulta perché, a due settimane dal rigetto della nostra domanda, non ci è stata ancora inoltrata una formale e ufficiale risposta … non siamo, forse, ritenute degne di un doveroso riscontro? Una domanda tenace e molesta continua a inquietare le nostre menti: le “rifiutate” dall’organismo il cui principale scopo istituzionale dovrebbe essere quello di includere il più possibile tutto l’associazionismo femminile della nostra città, sono forse considerate le paria di Ragusa?”. Tornando alle iniziative lanciate da #adessobasta, messe in atto, quasi sempre – di volta in volta – con l'adesione, la compartecipazione, il patrocinio del Comune, della Prefettura, dell’Asp di Ragusa, l’associazione ricorda “assemblea Centro Servizi Culturali 7/5/2019, assemblea Centro Polifunzionale 20/5/2019, fiaccolata 29 maggio 2019, partecipazione funerali a Vittoria dei due bambini Alessio e Simone 17/7/2019, prima commemorazione al Centro Polifunzionale della morte di Maria Zarba con proiezione del documentario “Anch’io vado a scuola” 11/10/2019, manifestazione giornata internazionale contro la violenza sulle donne 25/11/2019, iniziativa presso Libreria Flaccavento “Donne e politica” (annullata due giorni prima, causa lockdown) 9/3/2020, proposta al Comune di Ragusa di intitolazione di due strade alle donne donatrici di organi, Jenny Ardiri e Graziana Mattei 4/4/2020.

(Proposta accettata e presto avverrà l'intitolazione di due viali della Villa di Ibla), seconda commemorazione sig.ra Zarba presso il largo Maria Occhipinti 11/10/2020, intitolazione di due panchine alle vittime ragusane di  femminicidio (con    relativa targa) in piazza del Popolo 8/3/2021”. (daniele distefano)

0

0

1

0

0

Associazione adessobasta
Consulta femminile
Commenti
Ragusa, Associazione Adessobasta esclusa da Consulta femminile
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Positivi in aumento a Comiso, sindaco: sapete cosa penso?
News Successiva
Covid Ragusa, positivi e ricoverati in aumento: i dati dei Comuni