Salute e benessere

Covid, Iss: variante inglese fa paura, più letale

L'allarme dell'Iss ed il documento segreto

0

0

0

0

0

Covid, Iss: variante inglese fa paura, più letale Covid, Iss: variante inglese fa paura, più letale

La variante inglese del Covid 19  fa paura oltre ad essere più contagiosa è più letale.
La variante inglese del Covid 19 fa paura perché è più contagiosa e più letale. Da giorni non si parla di altro in tutta Italia compresa la Sicilia. A mettere in guardia è l'Istituto superiore di sanità nello studio di prevalenza della variante VOC 202012/01 (Regno Unito) in Italia relativo alla indagine svolta lo scorso 4-5 febbraio.  "Nel contesto italiano - si legge nella nota del'Iss, in cui la vaccinazione delle categorie di popolazione più fragile sta procedendo rapidamente ma non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di varianti a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguata". In particolare a mettere paura è la variante inglese. Considerata la circolazione nelle diverse aree del paese "si raccomanda di intervenire al fine di contenere e rallentare la diffusione della variante VOC 202012/0, rafforzando/innalzando le misure in tutto il paese e modulandole ulteriormente laddove più elevata è la circolazione, inibendo in ogni caso ulteriori rilasci delle attuali misure in atto".

Dove è stata identificata la variante inglese del Covid in Italia
La variante inglese è stata identificata nell'88% delle Regioni/PPAA partecipanti all'indagine condotta dall'Istituto superiore di sanità lo scorso 4-5 febbraio. Le stime di prevalenza regionale risultano però molto diversificate, con stime comprese tra 0% e 59%. La prevalenza nazionale è pari a 17,8%. Intanto l'Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, sottolinea come in tre regioni e in una provincia autonoma le terapie intensive siano tornate sopra soglia critica. La regione che preoccupa maggiormente è l’Umbria con il 60%, seguito da Friuli Venezia Giulia (35%), Provincia autonoma di Bolzano (40%), e Marche al 34%. La Sicilia è al 20% per i posti letto di terapia intensiva occupati, in una scala in cui la soglia di guardia è rappresentata dal 30%. La variante ingleseè  più letale mentre la brasiliana e la sudafricana riducono l'effetto dei vaccini: è questo il contenuto principale di un documento scientifico internazionale

Cosa dice il documento segreto
L'allarme è stato lanciato dal consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi: l'idea di tenere chiusi gli impianti sciistici e proporre un lockdown "breve e mirato" non sono soltanto che la punta dell'iceberg del vero problema. Nelle prossime ore, infatti, verrà visionato un nuovo documento scientifico che è stato prodotto da una task force internazionale di esperti voluta dai leader di grandi Paesi occidentali: dal nuovo presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, alla Cancelleria tedesca Angela Merkel ed al presidente francese Emmanuel Macron per arrivare al primo ministro britannico Boris Johnson, solo per citare i più importanti. Come viene riportato dal quotidiano LaStampa, in questo rapporto visionato dallo statto Ricciardi viene analizzato l'impatto delle varianti del virus in circolazione, ed i risultati sono molto preoccupanti.

Variante inglese più letale
Dalle notizie che arrivano dal Regno Unito, la variante inglese non provocherebbe soltanto un aumento della contagiosità del 50%, come si era detto finora, ma sarebbe più letale del virus originale del 20 e 30% in più: questa notizia, se confermata, cambierebbe tutto lo scenario dal momento che l'inglese diventerà prevalente anche in Italia (adesso 1 caso su 5 è inglese). "Nell'arco di 5 o 6 settimane potrebbe sostituire completamente o quasi l'altro ceppo virale attualmente circolante", aveva spiegato tre giorni fa il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro. Ma le brutte notizie non sono finite: sul documento si parla anche di variante brasiliana e sudafricana: la prima non creerebbe immunità rischiando di ridurre drasticamente l'impatto dei vaccini, la sudafricana annullerebbe quasi del tutto l'efficacia del vaccino italo-inglese di AstraZeneca, quello su cui l'Italia ha puntato maggiormente, riducendo l'efficacia addirittura al 10-20%.

Praticamente nulla. E riecheggiano le parole pronunciate dalla Merkel qualche giorno fa quando aveva detto che "le varianti sono un pericolo reale, minacciano i successi raggiunti, con conseguenze catastrofiche". Sulla stessa lunghezza d'onda anche Ricciardi che ha proposto al ministro Speranza un "lockdown breve e mirato, tornare a testare e tracciare, vaccinare a tutto spiano", ha dichiarato in un'intervista al Messaggero.

0

0

0

0

0

Covid
Variante inglese
Iss
Paura
Variante letale
Commenti
Covid, Iss: variante inglese fa paura, più letale
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Variante inglese Covid, Crisanti: siamo nei guai senza lockdown
News Successiva
La tiroide e i disturbi tiroidei: i disturbi più comuni